10 semplici regole per rendere il tuo Facebook un posto sano e vivibile

882

Facebook è un posto virtuale dove si trascorre ormai molto tempo, di conseguenza influisce in modo significativo nella nostra giornata, che lo vogliamo o meno. Navigando sulla mia bacheca noto che molti passano il proprio tempo a creare un ambiente saturo di negatività, sconforto, sfiducia, disagio, maschere pirandelliane e spesso anche paura. Tutto questo giova positivamente in termini di clic per Facebook, che essendo un’azienda conta sui suoi modi di guadagnare anche se essi comprendono pratiche non proprio condivisibili (un video di una ragazza che lancia cuccioli di cane in un fiume, per quanto riprovevole attrae clic e condivisioni che si trasformano in soldi per l’azienda, quindi invece che rimuoverlo perché non mettere un avviso di immagini violente? Se prima prendeva 2 visualizzazioni, ora ne prende 4. Geni).

Facebook è uno strumento davvero utile e potente, quasi indispensabile sul campo web, ma va usato nel modo giusto.

Per non essere vittima di un mondo virtuale e dei suoi pseudo paladini, ho tirato fuori un vademecum di comportamenti da adottare per tenersi fuori da un’ondata di odio, ignoranza e superficialità che alla lunga potrebbe trasformarsi in un vero e proprio virus per la propria intelligenza. Un virus che non ha vaccini se non la prevenzione.


Ecco le mie 10 regole per rendere Facebook sano e vivibile:

Accettate le amicizie solo da chi vi da un preciso e valido motivo

La curiosità spesso porta a chiedere un’amicizia giusto per dare uno sguardo alle foto e farsi magari qualche “cazzo” di troppo altrui. Avere persone che non nutrono un interesse positivo verso la vita vi porterà ad avere inutili link in bacheca e nel peggiore dei casi, commenti e like dal futile valore. Quando vi chiedono l’amicizia mandate un messaggio chiedendo il perché, sembrerebbe poco social, poco importa. Se vi sentite asociali nel farlo pensate a qualcuno che bussa alla porta di casa, gli aprireste senza chiedere “chi è”?