Daradao, l’uomo che ha riparato 600 buche a Mumbai in memoria del figlio morto di incidente

117

Dadarao Bilhore è un uomo indiano che fino a un certo punto della sua vita viveva come molti di noi, con la tranquillità che la via scorre e la preoccupazione unica di farla scorrere per il meglio, per sé.

Un giorno, dopo una violenta pioggia che ha colpito la sua città, Mumbai, riceve una telefonata, di quelle che rappresentano l’incubo di tutti i genitori: suo figlio è morto.

Precipitatosi sul posto per capire la dinamica dell’accaduto scopre che a causare l’incidente è stata, oltre al maltempo, una buca per strada che ha fatto perdere al figlio il controllo del mezzo scaraventandolo a terra e uccidendolo.

Daradao racconta che ha passato i primi giorni a piangere disperatamente per la perdita, poi un giorno ha sentito di dover fare qualcosa di forte, qualcosa che sapesse asciugare le sue lacrime prima ancora che uscissero dagli occhi. Doveva agire e decise di farlo nel modo più naturale, utile e umano. Evitando la morte di altri giovani come suo figlio.

L’unico modo che conosceva per farlo era riparare quelle maledette buche in giro per la città, cominciò così da quelle vicino casa per poi espandersi sempre di più, fino ad arrivare quasi al centro della città, che vi ricordo essere una vera e propria metropoli. Mumbai.

Armato di materiale pre riempire le buche e una zappetta con cui premere l’asfalto versato dentro e appiattire il tutto, Daradao Bilhore ha riempito fino ad ora più di 600 buche in tutta la città dedicando ogni minuto disponibile della sua vita, tutto a spese sue. Ha dichiarato che la città ha più di 10.000 buche pericolose per le strade e se potesse le vorrebbe aver già riempite tutte, questo però non lo scoraggia, anzi, lo incoraggia a non fermarsi mai.

Solo unendoci al prossimo, con azioni che aiutano anche senza toccarsi o vedersi di persona, possiamo salvarci dal restare soli nel nostro dolore