L'unica cosa che può fermare le tue intenzioni si trova dentro di te e si chiama volontà Condividi il Tweet

Anche in tempi di pandemia l’amore può sbocciare in modo originale, senza bisogno di vedersi da vicino o conoscersi attraverso un social o una richiesta di amicizia buttata lì come fosse un’esca.

Jeremy Cohen è un ragazzo di Brooklyn che in questi giorni, come la maggior parte di ragazzi in tutto il mondo, è chiuso in casa per arginare il pericolo di contagio da Covid19. Un giorno, affacciandosi alla finestra, ha notato su un tetto vicino, una ragazza che ballava sul tetto.

Jeremy non si è soffermato a guardarla, ha aspettato che finisse il suo ballo, che molto probabilmente era per un video su Tik Tok, e le ha gridato “Hey” salutandola. Lei, sorpresa dalla situazione, ha risposto al saluto. Da qui in poi tutto è andato come in quei film che credi non accadano mai a te.

La ragazza sul tetto

Per far si che la comunicazione non si limitasse a grida e gesta, Jeremy ha preso il suo drone e ci ha attaccato sopra un foglio con sopra scritto il suo numero. È uscito da casa e ha guidato il drone fino al tetto dove si trovava la ragazza che, nel frattempo, assisteva alla scena attonita.

Lei ha preso la palla al balzo e si è regalata un’occasione di evasione mentale e romanticismo davvero unica, memorizzando il numero di telefono e contattandolo qualche istante dopo.

L’amore è il “virus” più potente. Sappiate che c’è anche chi ha percorso 10.000 Km in bicicletta, per amore. Scopri la storia, clicca qui

Da quel momento in poi, la magia del momento, l’originalità del momento e la voglia di vivere, evadere e abbracciare il prossimo, hanno avuto la meglio, tanto che i due ragazzi hanno organizzato persino un appuntamento, ovviamente sempre a distanza.

Jeremy ha raccontato il tutto sul suo Instagram conquistando mezzo mondo col suo gesto genuino, spontaneo e pieno di umanità. Non si è arreso all’umore cupo, ai pensieri negativi, alla tentazione di criticare tutto e tutti incolpandoli di qualcosa che in fondo tutti sappiamo essere una colpa collettiva, anche se innocente o inconsapevole.

Il primo appuntamento è stata una cena, sempre a distanza, ognuno sul proprio terrazzo.

Ecco la storia raccontata direttamente dal protagonista sul suo account Instagram:

https://www.instagram.com/p/B-DGTwiDA_b/
https://www.instagram.com/p/B-Kl0RfD3Cz/

Una storia del genere, con tutta la dose di romanticismo che porta con sé, è qualcosa che in molti vorremmo. Sappiate che oltre alla volontà di farlo e allo spirito di iniziativa di mettersi all’opera, vi ci vorrà solo un drone come questo (sempre che non ne abbiate già uno) e basta. Clicca sull’immagine per scoprire di più direttamente su Amazon.

Classe 86, Creativo & Autodidatta. Creatore e autore di novabbe.com, nella vita di tutti i giorni godo di riflessioni continue e curiosità cronica. Amo la libertà, la consapevolezza e la satira.