Alexander Graham Bell's

Alexander Graham Bell è ricordato soprattutto per aver inventato il telefono. Gli interessi del grande inventore scozzese però non erano limitati a un solo campo. A parte i suoi inestimabili contributi nel campo dell’acustica e della telegrafia, Bell è anche accreditato dell’invenzione del metal detector, dell’audiometro (uno strumento utilizzato per rilevare problemi di udito) e di un dispositivo per localizzare gli iceberg.

Bell e i suoi collaboratori hanno studiato la possibilità di imprimere un campo magnetico su un dispositivo fisico come mezzo per registrare il suono – il principio alla base del registratore e del disco rigido – ma non sono riusciti a sviluppare un prototipo funzionante.

Bell aveva anche una grande passione per l’aeronautica.

Divenne ossessionato dal volo e iniziò a studiare la possibilità di costruire un aquilone abbastanza grande e stabile da trasportare un uomo.

Volare cavalcando un aquilone. Ecco gli aquiloni tetraedici di Alexander Graham Bell

La sua prima innovazione fu il box kite, costruito unendo i lati di diversi aquiloni triangolari per creare una struttura simile a una scatola. Bell si rese conto che condividendo giunti e longheroni, era in grado di aumentare notevolmente la superficie dei suoi aquiloni con un piccolo aumento di peso. Quindi ha combinato diverse celle a forma di scatola per creare una grande struttura piramidale con tre lati triangolari e una base triangolare. Questa forma geometrica, nota come tetraedrica, è una delle strutture più stabili della natura. Anche se sembra piuttosto complicato, gli aquiloni tetraedrici sono molto facili da far volare.

Bell credeva che il futuro del volo risiedesse negli aquiloni e non negli aeroplani, come avevano dimostrato i fratelli Wright. Era convinto che la sua struttura cellulare tetraedrica fosse più stabile della macchina dei fratelli Wright.

Volare cavalcando un aquilone. Ecco gli aquiloni tetraedici di Alexander Graham Bell

Nel 1907, Bell raccolse un gruppo di giovani interessati all’aviazione e fondò la Aerial Experimental Association (AEA), il cui scopo era costruire un aeroplano a motore pratico. Lo stesso anno, l’AEA costruì il più grande aquilone tetraedrico, chiamato Cygnet, che in francese significa “piccolo cigno”. Era composto da oltre 3.393 celle, era lungo 40 piedi e pesava 91 kg. Ha volato con successo trasportando un passeggero umano a 50 metri sopra l’acqua quando è stato rimorchiato dietro una nave a vapore.

Volare cavalcando un aquilone. Ecco gli aquiloni tetraedici di Alexander Graham Bell

Nel frattempo, gli stessi colleghi di Bell, gli altri membri dell’AEA, si interessarono maggiormente alla produzione di velivoli convenzionali, e successivamente fu progettata una serie di aeroplani. Uno di questi aerei, chiamato “June Bug”, vinse lo Scientific American Trophy in una mostra nel 1908. Il suo pilota, Glenn Curtiss, che in seguito avrebbe fondato una grande azienda di produzione aeronautica di successo, volò per 1500 metri in poco meno di 2 minuti. Entro la fine di quell’anno, l’AEA ha effettuato oltre 150 voli senza incidenti.

L’AEA è stata finanziata interamente dalla moglie di Alexander Graham Bell, Mabel Bell. Quando i fondi finirono, l’associazione fu sciolta. In meno di due anni della sua esistenza, l’AEA ha apportato molti contributi innovativi alla progettazione di aeroplani, come le coperture della cabina di pilotaggio e i timoni di coda. Una delle invenzioni di Bell fu l’alettone, che ora è un componente standard su tutti i velivoli.

Volare cavalcando un aquilone. Ecco gli aquiloni tetraedici di Alexander Graham Bell

Nonostante il graduale disinteresse per gli aquiloni e il crescente successo degli aeroplani dei fratelli americani, Bell realizzò altri due massicci aquiloni tetraedrici, denominati Cygnet II e III, ma nessuno dei due ebbe successo.

Bell abbandonò i suoi esperimenti nel 1912.

Per una serie di decisioni altrui, oggi quando voliamo da una parte all’altra non possiamo goderci il viaggio a bordo di un aquilone ma all’interno di un aereo. Sicuramente più pratico, ma vuoi mettere la poesia? A quanta poesia rinunciamo in nome della praticità?

Fonte: mashable.com