L’uomo è in grado di mangiare tutto, anche un intero aereo fosse necessario (basta pensare alla storia di Michel Lotito). Se pensate che il limite di ciò che si mette in bocca venga dettato dai propri gusti, non è così. Non esiste un limite di cosa mangiare o meno, la bocca manda tutto giù.

Nel 1799, il dottor Thomas Cochrane, chirurgo presso il Royal College of Physicians di Edimburgo, si ritrovò come paziente un uomo con le abitudini alimentari piuttosto insolite. L’uomo, il cui nome era Charles Domery, aveva un appetito vorace e mangiava di tutto tutto, inclusi gatti, cani e topi, oltre a candele ed erba. Mentre era prigioniero con gli inglesi a Liverpool, Domery scioccò i suoi carcerieri mangiando 7 Kg di mammella di mucca cruda, carne di manzo cruda, candele e quattro bottiglie di porter. Mangiò e bevve tutto senza mai andare in bagno o vomitare, un bidone praticamente.

“L’entusiasmo con cui attacca il suo manzo quando il suo stomaco non è rimpinzato, assomiglia alla voracità di un lupo affamato, che lo strappa e lo inghiotte con avidità canina”, ha scritto il dottor J. Johnston continuando “Quando la sua gola è secca per il continuo esercizio, la lubrifica togliendo il grasso dalle candele tra i denti, che generalmente finisce a tre bocconi”

Charles Domery nacque a Benche, in Polonia, intorno al 1778. Aveva nove fratelli, i quali secondo Domery avevano appetiti famelici. Anche suo padre, ricorda Domery, era un mangiatore abbondante e generalmente mangiava la sua carne mezzo bollita. La strana voglia di cibo iniziò quando Domery aveva tredici anni, con l’avanzare dell’età andò solo peggiorando.

Domery si unì all’esercito prussiano in giovane età, ma si lamentava costantemente della mancanza di cibo. La fame lo spinse a cambiare schieramento e si unì all’esercito rivoluzionario francese.

Mentre era con i francesi, a Domery furono concesse razioni doppie, ma morì di fame. Una volta, mentre si trovava in un campo militare vicino a Parigi, è stato registrato che Domery mangiò 174 gatti in un solo anno, lasciando solo la pelle e le ossa (esattamente come milioni di persone fanno con i polli), oltre a un chilo di erba ogni giorno se altro cibo fosse stato disponibile. Domery soffrì di gravi conflitti di umanità quando ha ucciso i gatti “sentendo gli effetti dei loro tormenti sul viso e sulla mano”. ha ricordato il commilitone M. Picard. Ha continuato: “a volte li uccideva prima di mangiare, ma quando era molto affamato, non aspettava”.

Mangiare cani, gatti, topi, candele...tutto. Charles Domery l'uomo più famelico al mondo

A Domery piaceva mangiare carne cruda; vomitava quando veniva nutrito con carne arrostita o bollita.

La sua carne preferita era il fegato di bue crudo, ma quando aveva fame mangiava qualsiasi cosa. Una volta, mentre era in servizio a bordo della nave francese Hoche , la gamba di un marinaio fu spazzata via dal fuoco dei cannoni. Domery afferrò l’arto mozzato e iniziò a divorarlo finché un membro dell’equipaggio disgustato glielo strappò dalle mani e lo gettò in mare.

Nonostante la sua dieta insolita, Domery è stato descritto come di corporatura normale e alto per il periodo a 6 piedi e 3 pollici. Aveva lunghi capelli castani e occhi grigi, aveva la pelle liscia ed era descritto come dotato di un “aspetto piacevole”. Non mostrava segni di malattia mentale e nessun segno esteriore di cattiva salute. Le illustrazioni che lo ritraggono sono dunque molto influenzate da una narrazione a volte un tantino esagerata, come la fame di Domery.

Nel 1798, Domery fu catturato dagli inglesi e imprigionato in un campo vicino a Liverpool. Dopo aver assistito all’enorme appetito di Domery, hanno decisero di dargli una doppia razione. Essendo anche queste insufficienti, le razioni furono gradualmente aumentate fino a raggiungere la proporzione consumata da dieci uomini al giorno. Tuttavia, Domery aveva fame. Ha mangiato il gatto della prigione e una ventina di topi. Domery mangiava anche le medicine di quei prigionieri nell’infermeria del campo che si rifiutavano di prenderle, senza subire effetti negativi.

I medici decisero di condurre un esperimento su di lui per determinare quanto poteva effettivamente consumare.

Il 17 settembre 1799, alla presenza del dottor J. Johnston e di molte altre persone rispettabili, iniziò l’esperimento. Alle quattro del mattino, Domery è stato svegliato e nutrito con 2 kg. di mammella di mucca cruda. Alle 9:30 gli è stato dato un pasto di 2,5 kg. di manzo crudo, dodici grandi candele di sego per un totale di mezzo chilogrammo e una bottiglia di porter. Consumò tutto entro un’ora. All’una gli furono di nuovo messi davanti 2 kg. di manzo, mezzo chilo di candele e tre grandi bottiglie di porter. Alle due, Domery è stato visto chiacchierare con due dei suoi amici ed era di buon umore. Aveva quasi finito tutte le candele e gran parte della carne di manzo. Alle sei e un quarto aveva divorato l’intero pasto e dichiarava che non poteva più mangiare e desiderava ritirarsi nella sua cella di prigione. Durante l’intero corso dell’esperimento, Domery non ha mai defecato, urinato o vomitato, il suo polso è rimasto regolare e la sua pelle è rimasta fresca. Prima di andare a dormire, Domery ballò, fumò la pipa e bevve un’altra bottiglia di porter.

Di solito Domery andava a dormire verso le otto di sera, e subito dopo cominciava a sudare copiosamente. Dopo essere rimasto sveglio a letto sudato per una o due ore, si addormentava, solo per svegliarsi verso l’una estremamente affamato, indipendentemente da ciò che aveva mangiato prima di andare a letto. In questo momento, mangiava tutto il cibo disponibile e, se non se ne trovava nessuno, fumava tabacco. Verso le due si riaddormentava e si svegliava di nuovo tra le cinque e le sei del mattino, sudando copiosamente. La sudorazione cessava, ma ricominciava una volta che iniziava a mangiare.

Il caso di Domery è quasi identico a quello del suo contemporaneo, il francese Tarrare , anch’egli dotato di un appetito rapace e che amava banchettare con carne cruda e gatti e cuccioli vivi. Come Domery, anche Tarrare servì l’esercito francese dove anche lui divenne oggetto di esperimenti. Incapace di saziare la sua fame, Tarrare scappava regolarmente dall’ospedale e mangiava frattaglie dietro le macellerie o mangiava cani e gatti di strada. Diverse volte è stato sorpreso mentre cercava di mangiare i cadaveri nell’obitorioPoi un giorno, un bambino di 14 mesi è scomparso e Tarrare è diventato un sospetto immediato. Fu cacciato dall’ospedale e morì di tubercolosi pochi anni dopo.

Mangiare cani, gatti, topi, candele...tutto. Charles Domery l'uomo più famelico al mondo

Ci sono stati alcuni altri casi di polifagia nei tempi moderni in cui i soggetti hanno mostrato una fame anormale, ma nessuno è arrivato a gesti estremi come divorare carne cruda e gatti vivi come hanno fatto Domery o Tarrare. Nessuno dei due uomini è stato diagnosticato correttamente e solo Tarrare è stato sottoposto ad autopsia. Domery scomparse dopo il rilascio dalla prigione.

La polifagia è solitamente causata dall’ipertiroidismo che può dare a chi ne soffre un metabolismo veloce e una fame estrema. La polifagia (nota anche come iperfagia) è anche un segno di diabete mellito, che provoca un’interruzione nella capacità del corpo di trasferire il glucosio dal cibo in energia sfociando in una persistente sensazione di fame. Una simile golosità è stata osservata nei gatti la cui amigdala, il centro delle emozioni e della motivazione, è stata distrutta e il gatto ha continuato a nutrirsi fino a diventare obeso.

Fonte: Wikipedia

Mangiare cani, gatti, topi, candele...tutto. Charles Domery l'uomo più famelico al mondo

Segui Novabbe.com su Telegram | Whatsapp | Twitter | Instagram | Tik Tok | Google News