Avete mai pensato che i cartoni animati abbiano uno scheletro sotto il loro corpo colorato e fantasioso? Io sinceramente mai, eppure non è un pensiero alieno. C’è però chi oltre ad averci pensato ha fatto anche di più.

Si chiama Filip Hodas, vive a Praga, ed è un artista del 3d che ha saputo “donare” uno scheletro a diversi personaggi dei cartoni.

Titti

Nel vedere le sue opere finite c’è da rimanere di stucco. La cura dei particolari, l’attenzione alle forme e alle proporzioni e la tetra somiglianza ai personaggi veri fanno delle sue opere qualcosa che si potrebbe realmente scambiare come un “cranio vero”.

Minnie

L’autore per realizzare queste illustrazioni ha dovuto osservare molto attentamente dei crani veri, sia umani che animali. Dare un risultato quanto più credibile è un’obbiettivo primario quando si realizzano opere del genere, sopratutto se tra le mani hai una bravura esagerata con l’arte del 3d e ogni opera che fai deve confermare in bellezza e complessità lei stessa e la precedente.

Braccio di ferro

Il talento di Filip, oltre a quello artistico e tecnico, è stato riuscire a ricreare le parti in più dei personaggi, come il mento di braccio di ferro o le orecchie di topolino. Non è semplice indovinare le proporzioni e sopratutto creare quel pezzo di cranio che in realtà non esiste, anzi, in natura non esiste.

Spongebob

La ciliegina sulla torta sta nel fatto che ogni cranio è allegato al nome della specie che rappresenta (nome di fantasia dato dall’autore) e dalla data in cui il personaggio è andato per la prima volta in onda.

Zio Paperone
Pippo

Complimenti a Filip per tutto ciò. Se volete continuare a stupirvi con le sue creazioni, seguitelo su Instagram, basta un clic qui.

Classe 86, Creativo & Autodidatta. Creatore e autore di novabbe.com, nella vita di tutti i giorni godo di riflessioni continue e curiosità cronica. Amo la libertà, la consapevolezza e la satira.