Se pensate che basti riciclare la plastica e tutti gli altri materiali per sentirsi apposto con la coscienza, sappiate che non basta.


Un’economia circolare completa in casa era un’utopia, poi ho scoperto il libro Cucinare la merda.

Da subito ho pensato fosse una fregatura o semplicemente un poster e invece dalle recensioni che ho visto sembra che sia davvero pieno zeppo di ricette di merda.

Ci pensate? Finalmente il sogno di risparmiare in casa e azzerare completamente i rifiuti e l’inquinamento è realizzabile. Basterà mangiare due volte a settimana e per il resto potrete usare ciò che prima chiamavate scarto, come un nuovo e principale “ingrediente”: la merda.

libro cucinare la merda

Se vede tanta in tv, se ne ascolta tanta quando si dialoga con qualcuno che ragiona dopo aver parlato…perché non farci un libro di ricette?



Ecco delle recensioni utili a rafforzare la tua voglia di acquistare questo libro ed aggiungerlo alla collezione di libri di ricette che fino ad ora, di la verità, non si è mai cagato nessuno in casa. Almeno questo metterebbe l’acquolina in bocca solo ad essere visto.

Ora uno pensa che questa sia follia o sia una cosa che non appartenga minimamente al panorama culturale (se n’è occupata anche Striscia la Notizia in questo servizio) ma cosa c’è di sbagliato a promuovere la cultura trash? Come si fa a dire che un libro del genere non sia adatto al “bonus cultura”? Specialmente visto il tipo di cultura che ultimamente invade lo stivale, dal panorama televisivo a quello politico. Un libro del genere è indubbiamente in tema e forse anche più interessante.

Fonte: Amazon


Dona 1 centesimo in beneficenza (senza chiedere soldi a nessuno) ogni volta che ne condividi i contenuti su Twitter, Telegram, Whatsapp o Messenger. È il primo sito al mondo a farlo. Dall'unione delle parole "condivisioni" e "donazioni" nascono le CONDIVIZIONI.


Mi definisco un menestrello 2.0: vivo parlando di contenuti che stupiscono, divertono e ispirano. Ho creato e curo Novabbe.com (completamente da solo) per questo. Grazie alla mia idea delle Condivizioni aiuto chi ha più bisogno con l'aiuto di tutti e senza chiedere soldi a nessuno. Amo la curiosità, odio l'ignoranza.