Se pensi che la natura sia stata cattiva con te, fermati, c’è chi sta sicuramente peggio. In California vive una razza di pesci chiamata Pink Snapper, che da noi equivale a grandi linee al dentice. La sua vita, all’apparenza rosea e spensierata, è messa in pericolo da un parassita chiamato Cymothoa exigua.

La presenza di questo parassita nell’ospite è qualcosa di terribile. Altro che Coronavirus, qui la natura ha saputo fare di peggio. Pensate che quando questo parassita entra nella bocca dell’ospite come prima cosa comincia a divorarne la lingua.

ehi!

 Followers
 Subscribers
4.080Posts
24Followers
Ecco il parassita trovato nella bocca di un pesce

Dopo aver divorato la lingua si sistema nella bocca posizionandosi al posto di essa. Una volta che i tessuti iniziali della lingua hanno superato la fase in cui perdono sangue, il parassita si aggancia ad essi diventando in tutti i sensi la nuova lingua dell’ospite.

Ed ecco un fotomontaggio che mostra come sarebbe se questo parassita attaccasse anche l’uomo. Terrificante solo a pensarci

Il Cymothoa exigua però non punta a mangiare al posto dell’ospite sostituendosi alla sua lingua, bensì e trovare un punto tranquillo dove nutrirsi della sua vera leccornia: il sangue e il muco del pesce ospite.

Ebbene si, dopo essersi attaccato alla lingua dell’ospite, se questo sopravvive, resterà per tutta la vita dell’ospite attaccato a lui a succhiargli il sangue.

Il Cymothoa exigua visto di lato. Questa immagine aiuta a capire meglio come e dove si posiziona.

Il Cymothoa exigua non è un problema solo dei dentici americani, si è scoperto che in casi estremi attacca anche altre varietà di pesce diventando l’incubo invisibile dei mari.

Vista nell’ottica della crudeltà, la natura altro non è che il risultato di equilibri perfetti e in mutazione. Sulla bilancia c’è la vita e la morte, il dolore e la felicità, lo stupore ed il terrore, l’ozio e la sopravvivenza. La natura è l’equilibrio, la vita che vivi è la possibilità di pesare nel punto giusto della bilancia.

Fonte: Wikipedia

Puoi lasciare un commento solo se sei loggato su Facebook da questo browser.
Non lo sei? Entra adesso su Facebook, clicca qui.