Drogarsi, ad oggi, non è una scelta furbissima da fare. Droghe come la cocaina, l’eroina e simili alterano la percezione della realtà in una maniera esagerata e per farlo agiscono sul nostro corpo in maniera a dir poco invadente e nociva.

In commercio esistono comunque molte sostanze che, pur non essendo delle vere e proprie droghe, vanno usate con molta cautela in quanto sono egualmente pericolose, come quelle contenute nei medicinali ad esempio.

Ecco il punto di incontro perfetto per le parole “sostanze” e “pericolo” : i medicinali.

Quelle che vedete sotto sono delle pubblicità reali di medicinali con alto contenuto di quelle che ad oggi sono droghe vietatissime.

pubblicità droghe del passato

Merito forse delle leggi ancora poco chiare sulla questione droghe, tra la fine dell’800 e gli inizi del 900′, se volevi trovare la soluzione al mal di denti avevi a disposizione delle pastiglie alla cocaina, se invece la tosse non ti lasciava riposare un attimo ecco che arrivava in soccorso uno sciroppo al sapore di morfina.

Un altro medicinale in uso era il Laudano, tintura idroalcoolica contenente il 10 % di oppio, chiamato in svariati nomi per risultare più “amico“, nomi come “Elisir di lunga vita“. Dare nomi che sembrassero innocenti e promettenti era fondamentale per la vendita di questi prodotti.

E’ interessante vedere come in 100 anni delle sostanze siano passate da legali a illegali, da ricercate dal settore farmaceutico, a ricercate dalle forze dell’ordine.

Cosa ci aspetta fra 100 anni ?

Sapere che gli energy drink saranno illegali, il caffè porta alla pazzia o le gomme da masticare fanno morire? Chi vivrà, vedrà.

L’unica certezza e che tutto ciò che assumiamo, prima di essere assunto deve essere compreso. Dove non c’è profonda consapevolezza, crescono i guai.

Fonte per approfondimenti: http://win.storiain.net/arret/num203/artic2.asp


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.