I fatti, le storie e i dati di questa pandemia da Coronavirus potrebbero benissimo essere il materiale perfetto per cominciare a pensare ad un film in grado di raccontare la pandemia in Italia e nel mondo.

Parlando di Coronavirus ci sono stati casi e avvenimenti che sarebbero stati difficili da immaginare anche per un regista. Ma cosa succederebbe se un giorno si volesse mettere su un cast di attori in grado di vestire i panni di coloro che sono stati i protagonisti della pandemia in Italia? Una risposta a questa domanda potrebbe venire dal gruppo Facebook che ha cominciato a pubblicare delle immagini perfette per il dilemma precedente:

Attori celebri che somigliano ai protagonisti, politici e non, della pandemia in Italia

Con spirito di ironia e goliardia si può immaginare un cast simile, perfetto nelle somiglianze e molto probabilmente anche nell’interpretazione. Cominciamo

Sembrano praticamente gemelle, Sabina Guzzanti e l’ex Ministro dell’Istruzione Azzolina.

Serio, inflessibile e pronto a ricoprire ruoli di responsabilità sul filo del rasoio. Gary Sinise è praticamente il parente mai riconosciuto di Mario Draghi, o almeno così sembrerebbe da un primo confronto. Impressionante.

Conosciuto da molti grazie a The Big Bang Theory, se non fosse per il colore degli occhi diverso, ditemi voi dov’è la differenza tra Simon Helberg e Roberto Speranza

Come sarebbe Enrico Letta con gli occhiali? Ce lo fa vedere Stephen Merchant

Vi imaginate di essere un no-vax e di incontrare di persona Roberto Burioni? La scena epica sarebbe sentirlo mentre guarda il no-vax e gli dice “Che te lo dico a fare”.

Joe Pesci sarà il figliuolo di Figliuolo o Figliuolo sarà il figliuolo di Joe Pesci. Ai posteri l’ardua sentenza

Quando si tratta di espressioni serie, cariche di critiche e ferme sul proprio obbiettivo, Jean Reno è una garanzia, assieme a Salvini a cui assomiglia e non poco.

Sembra una foto ottenuta da una di quelle app per vedere la versione maschile e femminile dello stesso soggetto. Guardando questo confronto potremmo dire che la Meloni non è niente Malek.

Infine, seguendo lo stile ironico dell’idea e del post stesso, ecco la proposta bonus delle somiglianze. Otto, il pilota automatico dell’aereo più pazzo del mondo e la sua versione in carne, ossa e un aggiunta di umorismo.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.