La droga è una piaga almeno quanto l’ignoranza. Entrambe ti fanno entrare in un vortice dove non vuoi vedere altro se non ciò che ti piace vedere, cosciente che non valga mai la pena raggiungere ciò che va oltre quelle che credi siano le tue possibilità.

Riuscire a uscire dal tunnel della tossicodipendenza è una vera e propria rinascita. Non è semplice ne scontato e per farlo capire anche alle menti più ottuse basti ricordare che non solo la droga crea dipendenza, o meglio, non solo eroina, cocaina, acidi ecc…sono droghe.

Se pensate ad esempio che anche il sesso, lo zucchero, il sale, la carne e molti altri piaceri possono essere valutati tranquillamente come una droga, capite quanto siamo tutti un po malati. È vero, nessuno si è mai sniffato lo zucchero (forse qualcuno lo ha fatto con quello a velo dopo aver preso una fregatura dal pusher di passaggio), ma questo non vuol dire che ci sono dipendenze di classe a e dipendenza di classe b. Ogni cosa da cui non riesci a uscire è una prigione, la scelta di accettale tale realtà rimane comunque personale.

Kevin Alter è un ex tossicodipendente. Dall’età di 17 anni all’età di 27 ha avuto un solo nemico da combattere:

la dipendenza da droghe pesanti.

Non sono in molti quelli che riescono a vincere questa lotta essenzialmente contro se stessi. Perché? I motivi sono vari, uno tra i tanti però spicca: bisogna comprendere bene che la cosa pericolosa non è la sostanza o la voglia di assumerla ma il perché hai questa voglia e la mancata visione dei vuoti emotivi e di consapevolezza nel proprio vissuto. Il pericolo non sono i grammi che cerchi, ma il peso che ti porti addosso senza nemmeno sentirne più lo sforzo che il tuo buonsenso fa a sostenerlo.

È facile che capiti di rimanere soli quando ci si droga, questo perché i tossicodipendenti non sono ben visti dalla società e in più la loro pericolosità a livello civico (espressa con furti o altri tipi di delinquenza) è vista come come completamente intenzionale, senza pensare che è come la fame, quando sale arriveresti a rubare per far si di riuscire a mangiare qualcosa.

Rubare per fame fa di una persona un ladro quanto drogarsi per astinenza fa di un uomo un drogato.

Per far si che le persone si sentano meno sole e abbiano uno spazio dove raccontare la loro esperienza, con la speranza che risulti utile al prossimo, Kevin Alter ha creato The Addicts Diary, il primo sito web dove poter trovare solo storie di persone che hanno vinto contro la droga.

L’obbiettivo è quello di creare il più grande gruppo di ascolto online, fatto solo di storie, persone, fallimenti e vincite.

Sul blog del sito puoi inviare le tue foto, del prima e dopo la dipendenza, così da far vedere a chiunque capiti su The Addicts Diary che la droga ti trasforma non solo quando caschi nel tunnel, bensì anche quando riesci a uscirne, più forte e sensibile di prima.

Qualunque sfortuna nella vita porti consapevolezza, forza e sensibilità, malgrado tutto dovrebbe essere sempre la benvenuta.

Fonte: theaddictsdiary.com | Facebook | Instagram

Classe 86, Creativo & Autodidatta. Creatore e autore di novabbe.com, nella vita di tutti i giorni godo di riflessioni continue e curiosità cronica. Amo la libertà, la consapevolezza e la satira.