I cani sanno nuotare? Si, ma anche l’uomo sa farlo nella maggior parte dei casi, solo che a volte a causa di un trauma o di qualcosa di simile si rinuncia alla bellissima sensazione di galleggiare in acqua spostandosi da un punto all’altro liberamente.


Il nuoto, la cosa più vicina che l’uomo ha ricevuto in dono come campione gratuito del paradiso.

Quando un uomo non sa nuotare può ricorrere tranquillamente ai bracciolo e affini, ma cosa succede quando ad essere impedito a nuotare è il cane? Ci vorrebbero i braccioli anche per lui, solo che sarebbe molto difficile amministrare il cane infilandogli quattro braccioli e pretendendo che riesca anche a muoversi agilmente.

Ecco perché hanno inventato qualcosa che fino ad ora non sentivate il bisogno di avere (sbagliando). Partendo dal concetto di pettorine, hanno inventato i giubbotti di salvataggio per cani.



È bastato inserire degli strati di polistirolo all’interno del giubbotto, così che il cane abbia la giusta spinta per rimanere a galla anche senza muoversi.

Ma si sa, i per i loro padroni sono come i bambini: eterni cuccioli che inteneriscono sempre.

Per questo c’è chi ha pensato che una semplice pettorina potrebbe non essere abbastanza. Perché non aggiungerci qualcosa sopra per renderla più simpatica? Qualcosa che vada oltre ad un’aragosta stampata sul dorso, qualcosa che sia memorabile, come una pinna da squalo ad esempio.

Vi immaginate la scena di cosa dev’essere vedere un cane con una pinna da squalo nuotare? Se avete la fantasia pigra, ecco un esempio di cosa sarebbe vederli dal vivo.

Si potrebbero addirittura organizzare delle gare di cani con la pinna da squalo, finché a divertirsi siano tutti, cani compresi.

Se invece di giocare in questo modo diventando i protagonisti indiscussi della spiaggia (come da anni è Tao), volete un accessorio che metta veramente al sicuro i vostri amici fedeli, sappiate che esistono ovviamente anche i giubbotti professionali, per cani dai 18 Kg. in su.

Nel frattempo c’è chi in acqua vuole solo la sua pietra, niente di più. Come Tao, il cane di Rivabella (Le).

https://www.tiktok.com/@novabbe.com/video/6981062302271343878

Se in Italiano lo squalo è conosciuto anche come pescecane, un motivo ci sarà no?


Dona 1 centesimo in beneficenza (senza chiedere soldi a nessuno) ogni volta che ne condividi i contenuti su Twitter, Telegram, Whatsapp o Messenger. È il primo sito al mondo a farlo. Dall'unione delle parole "condivisioni" e "donazioni" nascono le CONDIVIZIONI.


Mi definisco un menestrello 2.0: vivo parlando di contenuti che stupiscono, divertono e ispirano. Ho creato e curo Novabbe.com (completamente da solo) per questo. Grazie alla mia idea delle Condivizioni aiuto chi ha più bisogno con l'aiuto di tutti e senza chiedere soldi a nessuno. Amo la curiosità, odio l'ignoranza.