pelliccia lana di cane

Il cane è il miglior amico dell’uomo. Con i suoi gesti scalda il cuore, ma chi sapeva che con il suo pelo ha anche scaldato molto altro? Dal pelo di un cane c’è chi è riuscito a ricavare una morbida lana, ad oggi quasi introvabile, preziosissima. Senza violenza o altri modi poco umani usati oggi per servirsi degli animali, da quelli che finiscono in tavola a quelli che aspettano ai piedi della tavola.

Quando l’esploratore spagnolo Juan Francisco de la Bodega y Quadra (1744-1794) stava esplorando il mare di Salish (nello stretto di Georgia) nel 1791, rimase sbalordito nel trovare una civiltà vestita con abiti di lana intrecciata. Fino a quel momento, ogni indigeno che lui e il suo equipaggio avevano incontrato lungo la costa del Pacifico, indossava pelli e pellicce.

Non c’erano capre di montagna, quindi quale potrebbe essere stata la fonte di questa soffice lana bianca? Notarono molti cani che sembravano tosati e conclusero che la lana doveva provenire da loro.

Esiste la lana di cane. Ecco la storia dei cani di lana dei Salish
Una rarissima foto del popolo Salish in posa con un cane Salish. Notate il pelo paffuto e l’espressione tranquilla e giocosa.

Presto avrebbero appreso che i cani erano parte integrante del commercio e della prosperità dei Salish.

Il cane di lana Salish è stato descritto come un piccolo cane bianco a pelo lungo con orecchie a punta, coda arricciata, muso simile a una volpe e un pelo spesso. I loro pelo lungo, bianco o castano chiaro era eccellente per i filati. Quando il capitano George Vancouver li incontrò durante la sua famosa spedizione del 1791-1795 sulla costa del Pacifico, riferì che i loro velli erano così compatti che “grandi porzioni potevano essere sollevate di un angolo senza causare alcuna separazione”.


Da grande voglio fare lo Youtuber
la mia playlist di riflessioni e intrattenimento su Youtube


I Salish hanno allevato questi piccoli cani in recinti su isole isolate, separandoli dagli altri cani della comunità in modo che non si incrociassero e diminuissero la qualità del loro prezioso pelo.

Esiste la lana di cane. Ecco la storia dei cani di lana dei Salish
Una rappresentazione dell’epoca illustra un momento della vita dei Salish. Si vede benissimo il cane di lana Salish in primo piano, assieme a una donna che sta realizzando una coperta tradizionale (usando proprio il suo pelo)

Ai cani è stata inoltre somministrata una dieta diversa, alimentata principalmente con salmone rosso e gobbo, sia fresco che essiccato. I cani vivevano sulle isole da soli per tutta la primavera e l’estate. In autunno, quando la pelliccia era diventata lunga e folta, i loro proprietari tornavano a tosarla usando coltelli a conchiglia.

La pelliccia veniva mescolata con varie fibre vegetali per poi essere filata per la realizzazione di coperte cerimoniali, che erano oggetti preziosi nell’economia e nella cultura Salish. La lana veniva anche scambiata con le comunità vicine con altri beni di valore.

Mantenere i cani dal pelo lanoso richiedeva di dedicargli una parte sostanziale e costosa della fornitura di salmone destinata alle persone. Così, quando gli indigeni trovarono un’alternativa nelle coperte fatte a macchina dai mulini nelle isole britanniche e nel New England, abbandonarono rapidamente i loro cani di lana.

Entro la metà del 19° secolo, i cani lanosi si erano estinti, anche se le donne di Coast Salish hanno continuato a guadagnarsi da vivere con i tessuti fino al 20° secolo, ma non con la lana di cane.

I tessuti realizzati con pelo di cane lanoso sono rari oggi nelle collezioni dei musei. Parte della difficoltà sta nell’identificazione. Determinare quale tipo di lana è stata utilizzata per tessere i tessuti è quasi impossibile senza sottoporli ad analisi microscopiche.

pelliccia lana di cane
L’unica pelle sopravvissuta del cane lanoso, appartenente a un cane di nome Mutton, si trova allo Smithsonian’s National Museum of Natural History. La pelle fu acquistata nel 1859 ma rimase dimenticata nascosta in un cassetto allo Smithsonian, fino a quando non fu scoperta nel 2002 dallo storico Candace Wellman. Elaine Humphrey, specialista in microscopi elettronici a scansione presso l’Università di Victoria, ha abbinato le fibre delle coperte di Coast Salish alle fibre della pelle di montone e ha confermato l’autenticità della pelle.

Fonte: thecanadianencyclopedia.ca

libri novabbe su amazon