Esistono malattie che spaventano più di qualsiasi film horror. Malattie talmente rare che quando le si scopre non ci si crede per quanto sembrano strane o impossibili.


Una di queste malattie è la sindrome di Rapunzel, meglio conosciuta come Tricofagia.

Già nel 1889 troviamo le prime testimonianze scritte che parlano di questa malattia, solo nel 1987 però viene riconosciuta ufficialmente come un vero e proprio disturbo mentale.

La sindrome di Rapunzel è pericolosissima in quanto ingerendo i capelli si va a creare un vero e proprio tappo nello stomaco dovuto al fatto che il nostro stomaco non è in grado di digerirli. I capelli quindi andranno ad accumularsi insieme a parti di cibo, creando dei veri e propri cumuli pericolosissimi, qualcosa che assomiglia molto ai Fatberg nelle fogne delle metropoli.

capelli estratti da stomaco
Un accumulo (impressionante) di capelli e resti di cibo viene estratta dallo stomaco.

Chi ne è affetto tende a mettere inizialmente i lunghi capelli in bocca, masticandoli e strappandoli lentamente per poi ingerirli.



Alcune varianti di quesa malattia portano il soggetto affetto ad avere anche delle preferenze in tema di capelli. Associata solitamente a forti stati di stress, dove si arriva a strapparsi i capelli giocandoci poi con le mani in modo impulsivo, arrivando addirittura a massaggiarsi il viso con essi per poi mangiarli per interno o per specifiche parti.

È stato notato infatti come alcuni soggetti preferiscano mangiare solo le punte, altri invece i bulbi. Strano ma vero.

mangiarsi i capelli

Le conseguenze sono terribili: dolori addominali, perdita di peso e di appetito, nausea, vomito, sanguinamento o perforazione intestinale.

I soggetti colpiti da questa malattie sono per la maggior parte donne (a causa dei capelli lunghi che ne facilitano l’impresa) sotto i 20 anni. Lo stress è in la causa primaria.

Malattie che sembrano impossibili nascono nella maggior parte dei casi a causa di un ambiente che noi riteniamo normale ed invece, proprio il nostro corpo reputa impossibile. Come la società moderna con tutti i suoi difetti e distrazioni nei confronti di quello che è il vivere a stretto contatto con la natura.


Dona 1 centesimo in beneficenza (senza chiedere soldi a nessuno) ogni volta che ne condividi i contenuti su Twitter, Telegram, Whatsapp o Messenger. È il primo sito al mondo a farlo. Dall'unione delle parole "condivisioni" e "donazioni" nascono le CONDIVIZIONI.


Mi definisco un menestrello 2.0: vivo parlando di contenuti che stupiscono, divertono e ispirano. Ho creato e curo Novabbe.com (completamente da solo) per questo. Grazie alla mia idea delle Condivizioni aiuto chi ha più bisogno con l'aiuto di tutti e senza chiedere soldi a nessuno. Amo la curiosità, odio l'ignoranza.