Vuoi una curiosità a caso? Clicca qui

Una delle cose che ci tiene più attaccati alle usanze e alle tradizioni è il fascino di qualcosa che non cambia mai, diventando quindi un vero simbolo di affidabilità nel tempo. Ciò che non cambia ci sembra più affidabile. Ecco perché nella vita a volte evitiamo di chiederci il perché di fronte ad alcuni doveri: se lo hanno fatto tutti vuol dire che si fa così.

Pubblicità

Se vi chiedete cosa sia una famiglia per voi, quale sarebbe la vostra risposta?

Nella maggior parte dei casi sarà difficile trovare come risposta “un marito gay, una moglie etero e dei figli”. Questo perché viene anche difficile immaginarne il senso di un’unione del genere. Il segreto però dell’evolversi nelle proprie scelte sta li, nella comprensione del senso di ciò che scegliamo o vediamo.

Una storia perfetta che parla del senso più alto di “famiglia”, quello che comprende l’essere uniti prima della bandiera o del pensiero sotto la quale unirsi, è quella della famiglia Embley-Nielson.

Matthew Nielson è un padre gay molto umile e sensibile, sposato con Brynn Embley, una giovane donna altruista, madre e appassionata della bellezza della vita. Hanno 2 adorabili figlie, Ginevra e Amandine.

"Mio marito è gay e a me sta bene". Ecco la famiglia Embley-Nielson e il suo segreto per la felicità

I due si sono conosciuti durante un incontro sociale di gruppo. Da subito raccontano di essersi piaciuti a tal punto dal volersi rivedere quanto prima. Il loro è stato quindi un amore a prima vista in tutti i sensi. Dopo un po di appuntamenti però Matthew sentiva di non poter tenere per sé la propria preferenza sessuale, decide così di dichiararsi a Brynn. Lei, saputo della sua omosessualità, non fa una piega e gli chiede se per lui ci sia qualche problema a continuare quella relazione che a tutti gli effetti era la dimostrazione pratica di un amore vero, capace di andare oltre la sessualità. Lui accetta.

Pubblicità

I due sono uniti, oltre che dal sentimento, da una passione quasi maniacale per i viaggi e per i libri. Condividono sopratutto questo, viaggiare e leggere insieme.

"Mio marito è gay e a me sta bene". Ecco la famiglia Embley-Nielson e il suo segreto per la felicità

Vista la particolarità del loro rapporto in gran parte “asessuato” la loro storia ha acceso la curiosità di molti amici e parenti che sono rimasti, in buona parte, estasiati da questa dimostrazione di amore disinteressato (almeno sul lato fisico).

Quando la coppia si è chiesta inizialmente se un rapporto del genere fosse plausibile, ha tenuto conto anche dell’attrazione fisica e della sessualità di entrambi. Quel che ne è venuto fuori è che, di fronte al piacere di stare insieme, il piacere fisico di avere un rapporto sessuale era secondario.

"Mio marito è gay e a me sta bene". Ecco la famiglia Embley-Nielson e il suo segreto per la felicità

Per questo si sono sposati. Un matrimonio davvero originale in linea con quelli che vi racconto qui.

Oggi la coppia ha due splendide bambine (perché l’amore da i suoi frutti sempre) ed ha deciso di raccontare la propria vita quotidiana attraverso i social. Hanno un account Instagram chiamato “gayprofessordad”.

Pubblicità

"Mio marito è gay e a me sta bene". Ecco la famiglia Embley-Nielson e il suo segreto per la felicità

L’amore non guarda in faccia niente, è l’odio quello che agisce a seconda di che faccia hai.

Segui Novabbe.com su Telegram | Facebook | Twitter | Youtube | Instagram