gara di masturbazione beneficenza

È uno dei tabù che più si stanno sciogliendo ultimamente: la masturbazione. Fino a qualche anno fa ammettere di masturbarsi regolarmente poteva essere un sinonimo d’essere un looser, un perdente, uno che non ha possibilità di avere rapporti. Nel campo della donna invece è diverso, li la masturbazione diventa un vantaggio poiché viene associata, sempre dalla leggerezza del pensiero popolare, all’insaziabilità ed alla apertura della donna alla sessualità. Concetti e preconcetti.

La masturbazione è il regalo che la natura ci ha fatto per ricordarci di quanto bella possa essere la vita, per mano nostra.

Masturbarsi in modo regolare, senza eccedere, fa bene al nostro corpo. Non tutti sanno però che dal 2000 esiste un modo per masturbarsi e fare del bene al prossimo attraverso la beneficenza.

L’iniziativa si chiama “Masturbate-a-thon” ed è una vera e propria competizione dedicata all’arte del toccarsi.

gara di masturbazione beneficenza

Nonostante possa sembrare semplicemente una gara goliardica, come quella del sesso in aria ad esempio, questa manifestazione ha un cuore nobile ed un obbiettivo altrettanto lodevole: la beneficenza. La partecipazione è gratuita, ciò che è difficile compiere sono i record che caratterizzano questa manifestazione, punto di incontro tra gli appassionati mondiali di masturbazione.

logo gara di masturbazione
Il logo della manifestazione Masturbate-a-thon. Fonte Wikipedia.

Se pensi di essere un campione sappi che il record da battere, attualmente, è quello di Sonny Nash, Scozzese che si è masturbato in continuazione per 10 ore e 10 minuti. Nel settore donna invece il record di tempo è stato di 5 ore e 4 minuti. Se nei tempi l’uomo si dimostra più resistente, nei numeri la donna domina letteralmente. I numeri della manifestazione per la quantità di orgasmi continui sono fissati a 226 per la donna e 83 per l’uomo. Personalmente non riesco nemmeno a immaginare come si faccia ad andare oltre i 10 ma il mondo è bello perché vario ed immagino che ci siano persone che prima di presentarsi ad una manifestazione simile si allenino come si deve.

Masturbate-a-thon negli anni ha avuto un successo non indifferente riuscendo addirittura ad andare oltre continente. L’edizione del 2006 infatti è sbarcata a Londra, primo paese europeo ad ospitare la manifestazione.

La masturbazione nobilita l’anima e ci rende meno schiavi dei nostri desideri e più padroni delle nostre azioni.

Fonte: Wikipedia

ha donato in beneficenza, sino ad ora

121,79

grazie alle vostre Condivisioni

❤︎