mike il pollo senza testa

C’era una volta nel 1945 una coppia che possedeva una fattoria in Colorado. Lloyd Olsen passava i pomeriggi a tagliare teste di pollo, mentre sua moglie Clara si occupava delle pulizie. La catena di montaggio a due persone produceva ogni giorno gli stessi risultati: 50-60 teste di pollo tranciate e il resto del corpo consegnato al mercato della carne.

Il 10 settembre, la normalità della routine si interruppe quando, nonostante fosse stato decapitato da Lloyd, un pollo si rifiutò di morire.

Mike, il pollo zombie sopravvissuto 18 mesi dopo che gli hanno tranciato la testa
Miracle Mike, ancora vivo, nonostante la testa sia stata mozzata

Come riferito da Troy Waters, il pronipote della coppia, il pollo si alzò e iniziò a camminare tra i polli morti. Per quanto fossero sorpresi, Lloyd e Clara decisero di metterlo in una scatola di mele nella veranda sul retro, incerti su cosa avrebbero fatto al riguardo. Non sapevano che il pollo non sarebbe morto per i prossimi 18 mesi.

Con il passare dei giorni l’uccello continuò a “funzionare”. Lo chiamarono Mike, conosciuto meglio poi come Miracle Mike il pollo senza testa. La voce si diffuse a macchia d’olio e presto i Lloyd incassarono delle entrate extra da scommesse e spettacoli.

All’inizio, Mike fu portato all’Università dello Utah e sottoposto a una serie di test. Gli scienziati avrebbero decapitato innumerevoli altri polli, ma nessun altro sopravvisse come era riuscito a fare Mike. Gli spettacoli a livello nazionale stavano offrendo ai suoi proprietari nuove entrate finanziare e quant’altro, per non parlare della fama che raccolsero in quel determinato periodo. Erano in possesso di un fenomeno unico.


Da grande voglio fare lo Youtuber
la mia playlist di riflessioni e intrattenimento su Youtube


C’è chi spende 8000 euro per un’operazione al cuore della propria gallina, chi rimane immortalato nella storia mentre sodomizza un pollo e chi fa soldi con un pollo senza testa che misteriosamente continua a vivere.

Mike, il pollo zombie sopravvissuto 18 mesi dopo che gli hanno tranciato la testa

All’età di cinque mesi e mezzo, Mike pesava ben tre chili e mezzo. Dopo la decapitazione, veniva nutrito con un contagocce.

Gli Olsen eliminarono il muco dalla sua gola usando una siringa per prevenire il soffocamento. Ma come faceva un pollo senza testa a sopravvivere e muoversi senza cervello? Nel corso degli anni, la ricerca ha suggerito che la maggior parte del cervello di Mike è rimasto intatto nonostante il colpo.

Ciò potrebbe essere possibile perché la maggior parte del cervello di un pollo si trova nella parte posteriore dietro gli occhi e non nella parte frontale della testa. Normalmente, la decapitazione taglia il cervello fuori dal resto del corpo e porta a un’emorragia incessante. La maggior parte dell’attività che un pollo può gestire è correre freneticamente per circa 15 minuti dopo, a causa di un apporto residuo di ossigeno ai nervi spinali. Tuttavia, nel caso di Miracle Mike, il destino e il tempismo hanno distorto la fisiologia in una forma bizzarra. Non solo Mike è sopravvissuto alla decapitazione, ma è stato in grado di trattenere quasi l’80 percento del cervello e quasi tutto ciò che controlla il corpo del pollo, inclusi battito cardiaco, respirazione, fame e digestione.

Mike, il pollo zombie sopravvissuto 18 mesi dopo che gli hanno tranciato la testa
Miracle Mike mentre viene nutrito

Era anche possibile che un coagulo di sangue formatosi nel momento esatto del taglio impedisse al gallo di morire dissanguato. Inoltre, gli uccelli possiedono un organo di equilibrio secondario nella regione pelvica, l’organo lombosacrale, che controlla la locomozione. Questo spiegava come un pollo senza testa fosse in grado di camminare ed equilibrarsi nonostante avesse perso gran parte del sistema vestibolare cranico, fame e digestione.

La serendipità arriva in modi strani e spesso ci lascia desiderare di più. Una notte, gli Olsen si svegliarono al suono di un uccello che soffocava. Cercando la siringa per pulire i passaggi di Mike, si sono resi conto di aver lasciato lo strumento al baraccone. Incapaci di ripulire il muco, la coppia vide Miracle Mike soffocare a morte dopo 18 mesi di una vita senza testa ma movimentata. Anni dopo, la vita del gallo è ancora celebrata a Fruita, dove una scultura ne ricorda la decapitazione.

Mike, il pollo zombie sopravvissuto 18 mesi dopo che gli hanno tranciato la testa
La scultura di Miracle Mike

Le possibilità della natura sono infinite tanto quanto le idee dell’uomo che abbiano come obbiettivo il guadagno.

Fonte: bbc.com

libri novabbe su amazon