Per quasi quattro decenni dopo essere stata abbandonata, una nave mercantile da 1.300 tonnellate ha navigato nell’Artico senza carburante né equipaggio, fino a quando non è scomparsa poco più di cinquant’anni fa, ma alcuni credono che sia ancora là fuori alla deriva tra gli iceberg ghiacciati. Questa è la storia della nave Baychimo.

La Baychimo fu varata nel 1914, originariamente il suo nome era Ångermanelfven.

Ångermanelfven fu utilizzata come nave mercantile dai suoi proprietari tedeschi intorno al Mar Baltico, navigando tra Amburgo e la Svezia fino all’inizio della prima guerra mondiale. Dopo la Grande Guerra, fu ceduta al governo britannico come parte delle riparazioni di guerra della Germania e fu acquisita dalla Compagnia della Baia di Hudson nel 1921, dopodiché fu ribattezzata Baychimo.

Con sede ad Ardrossan, in Scozia, Baychimo ha effettuato viaggi di routine attraverso il Nord Atlantico tra il suo porto di origine e il Canada, visitando postazioni commerciali e raccogliendo pelli.

Nel 1923, Baychimo fu assegnata a una rotta diversa, questa volta nell’Artico occidentale, viaggiando tra Vancouver e le postazioni della Compagnia della Baia di Hudson lungo la costa settentrionale dello Yukon e dei Territori del Nordovest. Oltre a trasportare merci, Baychimo occasionalmente prendeva passeggeri, ma dal momento che non le era permesso legalmente il trasporto di persone, questi viaggiatori oceanici erano elencati come parte dell’equipaggio e dovevano lavorare sulla nave in cambio di una stanza e un viaggio di ritorno a casa.

Baychimo, la nave fantasma che ha navigato 40 anni senza equipaggio (ed oggi non si trova più)
La Baychimo incastrata fra i ghiacci

Alla fine di settembre 1931, sulla via del ritorno a Vancouver, la Baychimo si imbatté in una bufera di neve a sorpresa vicino a Point Barrow, sulla costa settentrionale dell’Alaska, dove rimase intrappolata nella banchisa. Divenne evidente che l’equipaggio avrebbe dovuto svernare nell’Artico, ma poiché Baychimo non poteva essere riscaldato per tutto l’inverno, l’equipaggio decise di lasciare la nave e di accamparsi vicino alla città di Barrow, distante meno di un chilometro dal punto in cui si era intrappolata la nave.

Per tutto il mese di ottobre e la maggior parte di novembre, alcuni uomini tornavano sulla nave ogni giorno per rimuovere il ghiaccio dal timone della nave e da altre attrezzature critiche.

Il 24 novembre si abbatté una potente bufera di neve e, quando il cielo schiarì, gli uomini scoprirono che la Baychimo era sparita.

Baychimo, la nave fantasma che ha navigato 40 anni senza equipaggio (ed oggi non si trova più)
L’equipaggio porta via i viveri dalla nave

Il capitano e l’equipaggio presumevano che la nave fosse affondata, ma presto ricevettero la notizia che un cacciatore Inuk aveva avvistato la Baychimo a circa 72 km a sud del loro accampamento. I membri dell’equipaggio rintracciarono la nave, ma decidendo che era improbabile che sopravvivesse all’inverno, rimossero le pellicce più preziose dalla stiva e abbandonarono la nave per l’ultima volta.

Il capitano Cornwell e il resto dell’equipaggio tornarono a Vancouver e la compagnia cancellò la nave e il carico trascurabile che conteneva come una perdita. Poco dopo, la Baychimo fu avvistata a circa 480 km a est da dove era stata avvistata l’ultima volta. L’anno successivo, è stata vista di nuovo galleggiare vicino alle coste dell’Alaska. Nei decenni successivi numerose persone avvistarono la Baychimo tutto intorno all’Artico alla deriva pacificamente nelle acque gelide.

Molte volte è stata abbordata da esploratori o equipaggi di navi di passaggio, ma ogni volta è sfuggita alla cattura. Una volta, un gruppo di nativi dell’Alaska salì a bordo rimanendo intrappolato per 10 giorni a causa di una strana tempesta.

Baychimo, la nave fantasma che ha navigato 40 anni senza equipaggio (ed oggi non si trova più)
L’equipaggio prova a liberare la nave senza successo

Nel 1969, 38 anni dopo essere stata abbandonata, fu trovata intrappolata in una banchisa nel mare di Beaufort, tra Point Barrow e Icy Cape, al largo della costa nord-occidentale dell’Alaska. Quello fu l’ultimo avvistamento registrato di Baychimo .

Quasi quattro decenni dopo, nel 2006, il governo dell’Alaska iniziò a lavorare a un progetto per trovare Baychimo e circa 4.000 navi scomparse lungo la costa dell’Alaska. La ricerca non produsse nulla.

Supponendo che il Baychimo sia affondato poco dopo il suo ultimo avvistamento, ciò la rende una delle navi fantasma a vela più lunghe del mondo. Le navi raramente sopravvivono per così tanto tempo senza equipaggio, specialmente tra gli impacchi di ghiaccio frantumato. È più che probabile che la nave fantasma un tempo inaffondabile ora si trovi da qualche parte nel freddo e fangoso fondo dell’Oceano Artico.

Chissà cosa sarebbe accaduto se a perdersi tra le gelide acque fosse stata la prima, e unica, nave al mondo rotonda, la Novgorod.

Fonte: Wikipedia

Baychimo, la nave fantasma che ha navigato 40 anni senza equipaggio (ed oggi non si trova più)

Segui Novabbe.com su Telegram | Whatsapp | Twitter | Instagram | Tik Tok | Google News