Se è vero che Dio ci ha creati a sua immagine e somiglianza, credo che chi gli somiglia di più siano quei medici e ricercatori che non si fermano mai di fronte a nulla, nemmeno a chi crede che il loro lavoro abbia un limite, che i miracoli siano l’unica strada percorribile quando non si sa più dove andare.

La chirurgia è una materia infinita tanto quanto le possibilità che offre all’uomo. Una di queste è una tecnica per ridare la vista a chi ha subito forti danni all’occhio e non può ricevere un trapianto di cornea ne altri tipi di trapianti che includano il rischio di rigetto o altri rischi dovuti alle precarie condizioni dell’occhio.

Si chiama Osteo Odonto Cheratoprotesi e consiste nel sostituire l’occhio con un dente.

Osteo Odonto Cheratoprotesi
Una “Protesi” pronta per essere inserita.

Questa tecnica, a prima vista fantascientifica e incredibile, nasce negli anni 60 in Italia. Il creatore di questa incredibile tecnica, valida e in approfondimento ancora oggi, è stato il dott.Benedetto Strampelli dell’Ospedale San Camillo di Roma.

La tecnica consiste nell’usare una sezione di un dente dello stesso paziente come supporto all’ottica che permetterà alla luce esterna di entrare nell’occhio e colpire la retina. Com’è facile immaginare, l’obbiettivo in vetro (o plexiglass, dipende) usato come cornea deve essere saldo nella posizione ideale, altrimenti tenderà a deviare la luce compromettendo la vista del paziente. Per questo motivo si usa un dente tagliato trasversalmente come supporto dell’intera struttura. Provenendo dallo stesso paziente si comprende bene come le possibilità che l’organismo accetti quel “corpo estraneo” nell’occhio siano molto alte.

Un dente bucato al posto dell'occhio per ridare la vista. Ecco la Osteo Odonto Cheratoprotesi
Un paziente dopo un intervento di Osteo Odonto Cheratoprotesi. In questo caso ha recuperato la vista, anche se parzialmente, dell’occhio sinistro.

Questa tecnica, che ricordiamo nasce in Italia per poi essere approfondita all’estero, come molte altre tecniche, è difficilissima da mettere in opera e richiede quindi una preparazione a parte. Anche l’operazione di Osteo Odonto Cheratoprotesi consiste in diversi appuntamenti da svolgersi su un lettino di sala operatoria. Non siamo dei lego, non ci smontiamo e montiamo con la stessa velocità.

Se dopo un’incidente il paziente si ritrova ad aver perso l’uso della vista, questo tipo di intervento può restituirla (anche se i risultati ovviamente differiscono dalla limpidezza della vista originale). I pazienti particolarmente interessati da questo tipo di intervento sono coloro che, ad esempio, hanno subito un’ustione proprio sul viso compromettendo tutta la parte frontale dell’occhio, quella che per intenderci riusciamo a vedere da fuori.

Un dente bucato al posto dell'occhio per ridare la vista. Ecco la Osteo Odonto Cheratoprotesi
Ecco illustrate tutte le parti che compongono un occhio, così da comprendere meglio il funzionamento della Osteo Odonto Cheratoprotesi

L’occhio è un organo delicatissimo e più che complesso. Col tempo riusciremo a vederci chiaro anche in tutto ciò che lo riguarda.

Anche se il risultato dell’operazione può sembrare il portfolio di un make up artist dell’horror, ringraziare il dott.Strampelli per la sua scoperta è il minimo. Viva l’Italia e viva le menti italiane.

Fonte: nature.com

ha donato in beneficenza, sino ad ora

121,79

grazie alle vostre Condivisioni

❤︎