Vestiti di persone defunte trasformati in orsacchiotti. Ecco le opere di Mary Macinnes.

67

Affrontare un lutto non è cosa semplice per nessuno. Il dolore di una mancanza è la cosa più difficile da nascondere.

La morte ci porta a esplorare pensieri e stati d'animo che mai avremmo immaginato prima. Per assurdo la morte funge spesso da lente di ingrandimento sulla vita. Condividi il Tweet

Mary Macinnes è un’artigiana dei tessuti che ha avviato un’iniziativa davvero tenera e singolare. Utilizzando dei vestiti, o degli accessori, appartenuti a una persona ormai defunta, su commissione dei suoi parenti, realizza degli “orsacchiotti della memoria”.

Ecco come esorcizza in un certo senso la morte, rendendola un oggetto capace di rappresentare il lato tenero della vita. La sua iniziativa, nata quasi per caso, ha ricevuto molto consenso dal web al punto da veder nascere una vera e propria attività lavorativa parallela alle sue commissioni quotidiane.

Riceve di tutto, dalle semplici magliette ai pigiami, alle camicie…tutto ciò che più riporta al ricordo del caro defunto. Per realizzare un orsacchiotto impiega minimo due ore di tempo, così da poter usare al meglio ogni tessuto, ritagliandolo nelle parti più significative e realizzando un orsacchiotto che capace di richiamare alla memoria non solo per ciò che indossa ma anche per lo stile con cui è stato realizzato.

Tenerissimi questi due orsacchiotti realizzati con accessori di marito e moglie passati a miglior vita

I suoi orsacchiotti sono sempre simbolo di serenità, di affetti infantili e di dolcezza infinita. Una buona idea per trasformare vestiti che diversamente sembrerebbero solo vuoti.

Vedere quelle stoffe contenere nuovamente qualcosa lascia che l’unico vuoto incolmabile sia solo quello nel cuore.

Fonte: Mary Mac

A proposito di riciclare vestiti, hai già visto cosa riesce a realizzare questa mamma per le sue figlie? Abiti nuovi realizzati dai suoi stessi vestiti riciclati, goditeli. Clicca qui