Telegram ormai sta conquistando tutti, meritatamente. Vi avevo elencato i 7 motivi per la quale dovreste cominciare ad usarlo al posto di Whatsapp, ed effettivamente in molti sembrano seguire i consigli.

Ad oggi non esiste un’app così completa e libera come Telegram, è la rappresentazione perfetta del concetto di web fino a prima dell’arrivo dei social: libero, funzionale e dalle infinite possibilità.

In molti decidono di fare un canale su Telegram. Gli usi sono molteplici, dal semplice diffondere contenuti in anteprima, a chi invece usa Telegram come mezzo di guadagno grazie alle affiliazioni Amazon. Sono decine i canali dedicati agli sconti su Amazon, questo perché potendo godere dell’affiliazione con Amazon, portare traffico sull’e-commerce più grande al mondo può farti guadagnare davvero tanto, tutto dipende dal volume di traffico che porti.

Ma se ti sei appena iscritto su Telegram, come fare a far crescere il canale velocemente?

Vi avevo già descritto i metodi gratuiti per farlo, dalle liste allo scambio reciproco di sponsor con altri canali. Questi metodi ti garantiscono una crescita si, ma lenta. Se hai intenzione di far crescere velocemente il tuo canale e guadagnare migliaia di iscritti in meno di un giorno, l’unico modo per farlo è rivolgerti a persone che gestiscono canali con migliaia di utenti e chiedere di sponsorizzarti.

Quali sono i vantaggi di rivolgersi a uno sponsor a pagamento e quali i svantaggi?

Per prima cosa c’è il vantaggio numero 1: la crescita istantanea del canale. Questo perché migliaia di persone vedranno la tua pubblicità proprio mentre sono su un canale Telegram (quello di proprietà di chi ospita lo sponsor) e saranno ben liete di scoprire in cosa consiste il nuovo canale proposto. Questo rende Telegram la piattaforma perfetta per trovare nuovi follower.

Il secondo vantaggio è quello di mantenere il canale pulito e senza sponsor reciproci o liste invadenti. Questo darà ai vostri utenti uno spazio libero da troppe pubblicità evitandovi, inoltre, di vedervi il canale silenziato per notifiche ininfluenti, come quelle delle pubblicità appunto. Se scegliete di fare pubblicità a qualcuno, quando i numeri sul canale lo permetteranno, tenente sempre conto dei vostri follower e di come potrebbero prendere quel tipo di pubblicità, non sarà raro avere voglia di pubblicizzare un canale poco a tema con il vostro e vedere utenti andare via una volta pubblicato l’annuncio.

L’unico svantaggio di fare promozione a pagamento su Telegram è quello di non azzeccare la persona affidabile o il canale performante.

Bisogna SEMPRE promuovere il proprio canale su canali affini. Nel mio caso ad esempio sarebbe futile promuovere il canale di Novabbè su un canale erotico o dedicato ad esempio ai manga.

Un’altra cosa a cui far attenzione sono le visualizzazioni dei post. Scegliete sempre persone che abbiano canali molto attivi e sperate siano disponibili da subito (alcuni canali hanno prenotazioni di pubblicità per mesi prima di trovare un posto disponibile). Non è raro trovare canali che hanno migliaia di follower ma poche visualizzazioni.

Per darvi una regola semplice (che ho elaborato con l’esperienza) sappiate che un buon canale deve avere almeno il 35% di visualizzazioni entro le 24 ore. Mi spiego meglio:

Se un canale ha 10.000 utenti, entro le 24h dalla pubblicazione di un post questo deve aver avuto almeno 3500 visualizzazioni

Se così non fosse, diffidate da chi millanta numeri promettenti.

Detto questo vi faccio vedere cos’è successo al mio canale quando mi sono rivolto a uno sponsor a pagamento su canali affini al mio. Guardate il numero di utenti come vola in meno di 24h.

In un giorno ho guadagnato più di 500 utenti. Fenomenale.

Nel mio specifico caso, dato che promuovo un canale che mira a diffondere contenuti sul mio sito, la spesa è stata abbassata dal guadagno che ho avuto in termini di visualizzazioni e click. In pratica ho pagato per avere uno sponsor e ho guadagnato da subito grazie alle visite generate sul sito web.

Notate come il 18 settembre i contenuti del canale hanno ricevuto più di 30 mila visualizzazioni? Nettamente superiori alla media.

Ma a chi rivolgersi quando si ha bisogno di sponsor a pagamento?

Le persone che vi consiglierò di contattare non mi hanno pagato per farlo, questo articolo ha la missione di portare semplicemente la mia esperienza a disposizione di chi ne ha bisogno, tutto qui.

Stando alla mia esperienza ecco gli account che potete contattare per chiedere uno sponsor a pagamento. Per ogni nome allego una breve recensione giusto per avere una direzione dove vertire:

@Asia_2020

Asia è stata la prima persona che ho conosciuto su Telegram, fortunatamente per me. Ha costruito un vero e proprio network di canali che mette a disposizione anche per soluzioni promozionali. È una vera esperta di Telegram ed è tra le persone che lo conosce da più tempo. Se cerchi un’esperta del settore, gentile, cordiale e corretta, l’hai trovata.

@Animalibera7

Mik è stata una rivelazione per me. Non ha molti canali all’attivo, ma quelli che ha sono frequentatissimi e con dei tassi di lettura davvero alti. Sui suoi canali gli utenti sanno di trovare molti contenuti e molto contenuto allo stesso tempo e questo giova alle visualizzazioni. Persona disponibile, discreta e precisa.

@PierpaoloCorso

Ebbene si, anche io con il canale di @novabbe sono disponibile per fare sponsor, l’unico problema è che sono molto selettivo in quanto avendo delle visualizzazioni molto alte nel canale (paragonate al numero di utenti) ogni contenuto che propongo mi prefisso debba risultare davvero interessante per i miei utenti e non con soli scopi pubblicitari.

Telegram, ovviamente, è pieno di persone che offrono sponsor a pagamento, queste elencate sono quelle che ho conosciuto personalmente e la quale mi sento di consigliare al prossimo per la convenienza dei prezzi, l’affidabilità delle persone e i risultati ottenuti.

Se fai sponsor su Telegram e vuoi essere inserito nella lista, contattami.

Buona crescita.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.