In queste ore la tragedia del sottomarino Titan primeggia su tutti i giornali del mondo. Ma qual’è stato il salvataggio sottomarino più profondo mai avvenuto?

Nelle prime ore del 29 agosto 1973, il pilota Roger Chapman e il pilota senior Roger Mallinson stavano posando un cavo telefonico transatlantico sul fondo del mare a circa 240 km a sud-ovest di Cork, nell’Irlanda meridionale. Il lavoro prevedeva la discesa nelle profondità dell’oceano con un piccolo sommergibile chiamato Pisces III fino a una profondità di 487 metri.

Il lavoro era estenuante a causa dello spazio angusto, dei lunghi turni (otto ore) e della scarsa visibilità.

Era come guidare lungo l’autostrada in una fitta nebbia e cercare di seguire una linea bianca: dovevi concentrarti oltre ogni immaginazione. Un pilota aveva i comandi del sottomarino in una mano e il manipolatore – una mano meccanica, che si solleverebbe, si torcerebbe, si estenderebbe e si muoverebbe lateralmente – nell’altra“, dichiarò Mallinson.

Quel giorno è stato inoltre faticoso per Mallinson perché aveva appena passato 26 ore insonni a riparare un manipolatore rotto sul sottomarino. Per un colpo di fortuna, l’ingegnere decise anche di cambiare la bombola di ossigeno con una piena, anche se quella del sommergibile aveva abbastanza ossigeno per durare le otto ore di immersione. Quella decisione si sarebbe poi rivelata salvavita.

Storia del salvataggio sottomarino più profondo del mondo
Il Pisces III el momento del salvataggio

Poco dopo le 9:00, il sommergibile era tornato dal viaggio sul fondo dell’oceano ed era in superficie in attesa di essere sollevato dall’acqua ma qualcosa andò storto e il sommergibile mentre veniva sollevato sulla poppa della nave, cadde in acqua con uno sportello aperto.

Appesantito dall’acqua di mare, il sommergibile iniziò ad affondare. A 53 metri, si fermò di scatto, trattenuto alla massima lunghezza del cavo di traino di nylon, ma solo momentaneamente, prima che il cavo si spezzasse. I piloti hanno immediatamente spento tutti i sistemi elettrici che hanno lasciato il sottomarino nell’oscurità totale.

Ci sono voluti circa 30 secondi prima che colpissimo. Abbiamo disattivato il misuratore di profondità a 152 metri in quanto avrebbe potuto esplodere. Siamo riusciti a trovare un panno bianco da metterci in bocca in modo da non morderci anche la lingua nell’impatto col fondo del mare”, dichiarò Mallinson.

Dodici minuti dopo il loro primo affondamento, il sommergibile colpì il fondo dell’oceano a 480 metri (nel caso del Titan erano a più di 2000 metri di profondità nel momento in cui si sono persi i contatti). Nonostante il violento impatto, a una velocità stimata di 65 km/h, non ci furono feriti all’interno del sommergibile.

Il sottomarino era buio pesto, ma usando una torcia elettrica hanno esaminato l’ambiente circostante e sono entrati in contatto con la superficie. Il serbatoio pieno di ossigeno che Mallinson aveva aggiunto il giorno precedente aveva una capacità di circa 72 ore, ma durante l’immersione erano già state utilizzate otto ore, lasciando loro 64 ore di ossigeno.

Storia del salvataggio sottomarino più profondo del mondo
L’apertura forzata del portellone del Pisces III dopo averlo tirato su

I piloti hanno trascorso le prime ore a sistemare il sommergibile che era quasi capovolto. Hanno controllato tutte le porte stagne per eventuali perdite e si sono preparati per l’arrivo dei soccorsi. Comprendendo l’importanza di conservare l’ossigeno, hanno consapevolmente ridotto al minimo lo sforzo fisico, astenendosi persino dal parlare. Cercando rifugio dall’aria nociva (in quanto già consumata) che andava verso il basso, si posizionarono il più in alto possibile, cercando conforto.

Più di quaranta ore dopo l’affondamento del sommergibile, il Vickers Voyager ha raggiunto la scena dell’incidente e ha immediatamente proceduto al lancio di Pisces II con un cavo attaccato. Tuttavia, la fune di sollevamento si è staccata dal braccio manipolatore e il sommergibile è dovuto tornare in superficie per le riparazioni. Quindi è stato lanciato Pisces V ma non è riuscito a localizzare Pisces III ed è tornato in superficie dopo che si è esaurito. Pisces V è stato lanciato di nuovo, questa volta localizzando con successo il sottomarino colpito. Tuttavia, un tentativo di attaccare una corda fallì.

Il tempo stringeva, i tentativi continuavano a fallire.

Il 1 settembre, Pisces II è stato lanciato di nuovo con una levetta appositamente costruita e una nuova fune di traino in polipropilene. Questa volta, il sottomarino di salvataggio aveva agganciato con successo l’interruttore all’angosciato Pisces III . Poche ore dopo è scesa anche la CURV III e ha sistemato un’altra linea.

Ci sono volute quasi due ore e mezza prima che il sommergibile arrivasse in superficie. I sommozzatori hanno cercato di aprire il portello per far entrare aria fresca nel sommergibile, ma hanno scoperto che il portello si era bloccato. Dopo quasi 30 minuti di lotta, il portello è stato aperto e sono usciti i due piloti, stanchi e molto provati, ma vivi.

Erano rimasti intrappolati all’interno del velivolo per un totale di 84 ore e 30 minuti.

Storia del salvataggio sottomarino più profondo del mondo
I due piloti si abbracciano mentre si festeggia il loro salvataggio. Un’esperienza che non dimenticheranno mai più.

Il sottomarino aveva una scorta di ossigeno valida solo per 72 ore, ma sono riusciti a sopravvivere per altre 12,5 ore. Valutazioni successive hanno rivelato che erano rimasti solo altri 12 minuti di apporto di ossigeno nel momento del salvataggio.

Fonte: BBC