Finalmente dopo anni ed anni non mi sento più solo nel pesare ad essere uno dei pochi al mondo ad amare i cetrioli sott’aceto, nello specifico quelli che trovavo negli hamburger del Mc Donald da ragazzino, nei miei anni a Genova.

Ogni volta che si andava tutti insieme a fare uno spuntino, tutti i miei amici aprivano il loro hamburger per togliere quel cetriolo solo ed escluso senza pietà. Io guardavo schifato loro mentre lo facevano e li invitavo a darmelo perché non andasse buttato (mia nonna mi ha sempre insegnato a non buttare via nulla).

Oggi, a distanza di più di 15 anni c’è un ristorante nel New Jersey che ha avuto un’idea, per me, golosissima.

Scopri #vogliofareloyoutuber, le mie riflessioni in formato video

Creare il primo sandwich senza pane. Al suo posto c’è un cetriolo sottaceto ripieno.

Ebbene si, un’idea illuminante sia per chi come me ama i cetrioli sottaceto che per coloro che vorrebbero evitare il più possibile il pane. La preparazione è alquanto semplice. Katherine Cohen, proprietaria del ristorante, spiega che i loro cetrioli vengono preparati con una ricetta di famiglia, il che lascia presagire che il sapore non sarà quello di un “semplice” sottaceto. Fare il sandwich è un’operazione elementare quindi, basta svuotare il cetriolo della sua parte morbida e dai semi e nello spazio che si ricava mettere tutti i condimenti richiesti dai clienti. Tutto qui.

L’idea, per quanto bizzarra possa sembrare, ha avuto il suo degno successo rimbalzando su tutti i giornali della zona e richiamando ondate di nuovi clienti incuriositi da questa nuova delizia.

Volete sapere qual’è il sandwich che va di più? Sembra che sia una ricetta italiana: coppa, prosciutto, salame e provola. Top!

Fonte: https://www.facebook.com/HomeOfThePickleSandwich/

Classe 86, Creativo & Autodidatta. Creatore e autore di novabbe.com, nella vita di tutti i giorni godo di riflessioni continue e curiosità cronica. Amo la libertà, la consapevolezza e la satira.