Il mondo dei giocattoli può facilmente regalare delle memorabilità uniche. Una di queste è senza dubbio la scopa Nimbus 2000 realizzata da Mattel nei primi anni 2000. Un giocattolo che ha saputo far parlare di se prima del suo declino forzato.


Ispirata alla saga di successo Harry Potter, questa scopa aveva cominciato a vendere particolarmente bene per la felicità di tutti, produttori e clienti.

Era una normalissima scopa che ricreava l’atmosfera magica del film quando gli allievi della scuola di Hogwarts si sfidavano tra i cieli per conquistare il celebre boccino d’oro.

Scopa Harry potter Nimbus 2000 vibrava
La Nimbus 2000 che vibrava

La scopa riprende l’antico concetto delle streghe che volano sul manico della scopa, appunto. Tutto sembrava filare liscio, il giocattolo faceva il suo sporco dovere e non sembrava ci fossero controindicazioni. Poi qualcuno notò qualcosa di strano.



Le Concerned Women of America, un’associazione di donne conservazioniste e cattoliche americane, cominciarono ad avere qualche dubbio sulla fattibilità della Nimbus 2000 in quanto vi era una funzione sulla quale nascevano un po di dubbi: la vibrazione.

Ebbene si, la scopa una volta cavalcata emetteva suoni a tema e allo stesso tempo vibrava, il tutto attraverso un semplice pulsante, come ogni semplice giocattolo che si rispetti. I genitori cominciarono a notare le facce felici e contente delle bambine che usavano la scopa insinuando per primi pensieri inerenti all’aspetto erotico del giocattolo. Spiegata più semplicemente, cominciarono a vedere un vibratore vero e proprio al posto del semplice manico della scopa.

Questo portò alla richiesta, poi accolta, del ritiro del giocattolo dal mercato, affinché non vibrasse ancora sotto le gambe di nessuna bambina.

Oggi, infatti, cercando su Amazon la Nimbus 2000 ci si imbatte in modelli che, categoricamente, non vibrano.


Dona 1 centesimo in beneficenza (senza chiedere soldi a nessuno) ogni volta che ne condividi i contenuti su Twitter, Telegram, Whatsapp o Messenger. È il primo sito al mondo a farlo. Dall'unione delle parole "condivisioni" e "donazioni" nascono le CONDIVIZIONI.


Mi definisco un menestrello 2.0: vivo parlando di contenuti che stupiscono, divertono e ispirano. Ho creato e curo Novabbe.com (completamente da solo) per questo. Grazie alla mia idea delle Condivizioni aiuto chi ha più bisogno con l'aiuto di tutti e senza chiedere soldi a nessuno. Amo la curiosità, odio l'ignoranza.