Avete presente quando si dice che bisogna trovare un giusto equilibrio tra uomo e natura? Bene, oggi ho trovato un esempio estremo ma esplicativo di questo modo di fare.


Lo sapevate che esiste una tribù in Etiopia la quale i membri sono conosciuti come i Suri.

Come per moltissime altre tribù tribali non si sa molto di loro in quanto non è facile riuscire a integrarsi in modo completo e stazionario così da estrarre ogni minimo particolare dalla loro cultura. Ciò che li rende tali è anche la separazione dal mondo esterno che, per la loro sopravvivenza, è bene che rimanga tale.

Un’usanza dei Suri assai bizzarra è quella di soffiare all’interno della vagina della vacca così da stimolarne la produzione di latte.



tribu sori soffia vagina vacca

Un’operazione che lascia di stucco al solo pensarci, di fatto sembra che la tecnica funzioni davvero, parola di chi non può contare sulle tecniche moderne che prevedono di ingravidare la vacca artificialmente così da portarla a produrre più latte possibile da togliere dalla bocca del vitellino appena nato.

Si, se hai appena scoperto che il latte che hai a tavola non è proprio un prodotto ottenuto con la gentilezza, mi dispiace per te, ho avuto questa sensazione non molto tempo fa. È terribile pensare alla scena in versione umana: pendere una donna, ingravidarla artificialmente e poi togliere tutto il latte al bambino lasciando che si nutra con quello in polvere o con qualcosa di simile.

I Suri hanno scoperto che “gonfiando la vagina” con dell’aria immessa direttamente con la bocca e lasciando che si svuoti subito dopo, provoca alla vacca una sensazione vicina a quella della liberazione del parto.

Per aumentare il piacere apportato alla vacca si usa anche stimolarne le mammelle nel durante. Un trattamento di piacere vero e proprio, a misura e nel rispetto completo della vacca che gradendo da soddisfazione ai suoi allevatori.

Che vacca.


Dona 1 centesimo in beneficenza (senza chiedere soldi a nessuno) ogni volta che ne condividi i contenuti su Twitter, Telegram, Whatsapp o Messenger. È il primo sito al mondo a farlo. Dall'unione delle parole "condivisioni" e "donazioni" nascono le CONDIVIZIONI.


Mi definisco un menestrello 2.0: vivo parlando di contenuti che stupiscono, divertono e ispirano. Ho creato e curo Novabbe.com (completamente da solo) per questo. Grazie alla mia idea delle Condivizioni aiuto chi ha più bisogno con l'aiuto di tutti e senza chiedere soldi a nessuno. Amo la curiosità, odio l'ignoranza.