Segui Novabbe.com anche su:

Il bello del panorama trash è il fatto che sia politicamente scorretto. Ultimamente molti contenuti vengono privati della loro anima artistica solo per assecondare regole di bon ton che nessuno ha accettato o ragionato oltre al metro di misura dell’accettazione sociale.

Il trash però non si arrende ai contenuti senza sapore e tira fuori perle ogni giorno, mettendo in mezzo qualsiasi cosa senza freni. Dal black humor al trash più leggero, ogni contenuto dovrebbe essere libero di esistere ed essere espresso, ciò che andrebbe vietata è l’ignoranza.

Ci preoccupiamo troppo di quali contenuti siano giusti o meno, di cosa potrebbero provocare una volta visti, eppure ci si preoccupa meno dell’intelligenza delle persone in generale

Se continueremo a servire l’ignoranza con contenuti asettici, il risultato sarà un movimento enorme di persone che non capendo preferiranno continuare a non capire, additando chi due domande in più se le fa o chi con intelligenza sa fare e ricevere umorismo senza offendere o sentirsi offeso.




Rimanendo in tema di contenuti trash, eccone uno che mi ha fatto ridere tantissimo

I sordomuti che litigano, animatamente, con Eminem come sottofondo musicale

A causa del moralismo cieco e distruttivo, il video è stato rimosso dalla fonte principale. Mi dispiace

Escludendo il lato istruttivo del video che mi ha fatto scoprire come fanno a litigare i sordomuti (cosa che potrebbe sembrare banale e comunque non mi ero mai chiesto), la genialità di unire Eminem alla gestualità energica dei protagonisti del video è la ciliegina sulla torta.

Se non ti viene da ridere guardando il video avrai i tuoi buoni motivi per farlo, per favore però, non pensare che i tuoi motivi siano anche quelli degli altri, altrimenti non capirai mai perché rido guardandolo.

È bene sottolineare la superiorità della donna nel litigio, capace di assorbire tutta la rabbia altrui e gestirla senza scomporsi. Chi dice che la donna sia il sesso debole, non ha mai capito davvero cosa sia il sesso e cosa la debolezza.