Un problema più che attuale, causato dalle stesse vittime, è il fatto che bambini e adolescenti stanno crescendo con una dipendenza da smartphone impressionante. Fisioterapisti e massaggiatori da tutto il mondo si preparano a quella che sarà la più grande invasione da cervicale della storia. Non saranno da meno psicologi e affini che si ritroveranno a dover curare ondate enormi di persone “distrutte” da troppe ore passate dietro a uno schermo.

Nel problema della tecnologia in mano a bambini e adolescenti, le vittime sono i figli, i carnefici i genitori, senza ombra di dubbio.

Nonostante la tecnologia stia diventando sempre più smart e indossabile, non esiste ancora lo smartphone che cresce sulla pelle dei bambini a tal punto da non essere asportabile. Quando un bambino si attacca al telefono, accetta la proposta dell’adulto a esternarsi dal mondo reale per adorare quello virtuale.

Si lasciano i bambini da soli con i telefoni in mano per la comodità di avere le mani libere dai bambini, crescendo esseri umani con meno stimoli tangibili di quanti ne riceve un animale domestico. Il lato oscuro è che quando i bambini crescono, gli stessi genitori che hanno imparato a tenerli buoni grazie ad uno smartphone, non sanno come continuare questa opera di scarico di responsabilità e impegno, così nascono i disastri comportamentali.

Se durante la crescita hai commesso l’errore di lasciare ad uno smartphone il piacere di godersi tuo figlio crescere istante per istante e adesso non riesci a riparare al tuo errore, esiste una soluzione.

Nir Eyal, psicologo dell’Università di Stanford, ha spiegato in 5 punti come vincere la battaglia contro la dipendenza da smartphone e tablet di bambini e adolescenti evitando pianti e capricci.

I suoi non sono veri e propri trucchi psicologici creati per ingannare bambini e adolescenti, bensì sono dei comportamenti che portano i soggetti interessati ad apprezzare meglio la realtà tangibile, costruendo successivamente una vita molto più equilibrata dove il tempo passato dietro a uno schermo tende a diminuire drasticamente.

1 – Essere genitori è il mestiere più difficile, preparati a impararlo discutendone con calma

Sicuramente il giorno in cui hai dato lo smartphone a tuo figlio lo hai fatto per porre rimedio urgente a una situazione da esaurimento nervoso. Questo ha creato delle regole per tuo figlio che ora cambiare non sarà semplice. Il primo trucco in assoluto è sempre mantenere la calma in queste situazioni. Se stai per affrontare un cambio di regole in merito al telefono, preparati prima di tutto a restare calmo. Se per te crescere è un problema passato, per tuo figlio è il presente e non è un problema.

Continua nelle pagine successive

1
2
3
4
5
6
Classe 86, Creativo & Autodidatta. Creatore e autore di novabbe.com, nella vita di tutti i giorni godo di riflessioni continue e curiosità cronica. Amo la libertà, la consapevolezza e la satira.