Educare i figli a collaborare in casa giocando? Ecco la tabella delle ricompense che ti aiuta a farlo

282

Avere dei figli che collaborano alle faccende di casa è un desiderio di tutti i genitori, non tanto per il fatto che si voglia trasformare i bambini in piccoli mocio ambulanti, capaci di pulire casa al posto dei grandi e una volta finito di ritirarsi in camera muti e pronti per il giorno dopo, no.

Supporta novabbe.com

Creare una collaborazione in casa significa essenzialmente mettere le basi per una convivenza armoniosa, dove si dividono i doveri e allo stesso modo i piaceri, senza creare scompensi dovuti all’età, alle attenzioni e ad altri fattori che con il tempo mutano portando non pochi disagi.

Educare i bambini a collaborare in casa però non è semplice, anzi, per molti è impossibile.

Oltre ai consigli giusti, ci vogliono gli strumenti giusti, sopratutto quando i figli sono più di uno.

La ricompensa per un genitore, che ha la maturità di capirlo, è vedere il proprio figlio crescere e partecipare all’armonia di casa compiendo con leggerezza e passione i suoi doveri ed allo stesso tempo fantasticando sul suo futuro, certo che il presente gli servirà da lezione. Una lezione appresa con leggerezza ed efficacia.

Ma, mettendosi nei panni dei bambini, qual’è la convenienza nell’aiutare nelle faccende di casa e nel comportarsi bene? Bella domanda.

Sopratutto in quei casi dove i figli sono viziati, ottenendo ciò che vogliono senza neanche meritarlo, o in quelle occasioni dove i genitore hanno talmente la vista offuscata dalle ansie da non riuscire a vedere con la stessa limpida spensieratezza di un bambino, come fare ad avere una visione simile e quindi a comprendersi meglio?

La cosa importante è stabilire dei ruoli e mantenere fede ad essi, decidendo un compenso per ciascuna cosa. Se per il genitore il compenso è la serenità di vedere crescere il bambino, per quest’ultimo il compenso deve essere diverso e sopratutto deve essere rappresentato in chiaro, senza troppi viaggi mentali.

Uno strumento utilissimo a questo è la tabella delle ricompense

Ecco un modo semplice ed efficace per organizzare, rappresentare e premiare la collaborazione in casa, oltre ad una crescita sicuramente più serena e costruttiva per i bambini.

Il funzionamento è semplice, si decidono i “compiti” da premiare e si assegna una stellina per ogni compito svolto bene ogni giorno. Alla fine della settimana se si raggiungono le stelline accordate, arriva il premio.

Perfetto no?

Alcuni consigli:

1- È importante che i genitori conservino bene il sacchetto con le stelline e che assegnino onestamente le stesse

2- Non promettete premi alti o che non potete permettervi. I premi sono settimanali non annuali, regolatevi di conseguenza.

3- Se iniziate un metodo simile non smettete di usarlo dopo poco, la vostra costanza sarà il primo esempio utile ai bambini

4- La vita è un gioco anche per gli adulti, non rendete il gioco impossibile ai bambini

Detto questo, buona prova.

Fonte: Amazon