24 trucchi psicologici facili ed utili nel lavoro, in amore e altro.

Hai mai pensato che qualcuno abbia attuato su di te dei trucchi psicologici? Sicuramente qualcuno lo ha fatto in un modo o nell’altro. Non sempre l’intenzione deve essere malevola nell’attuare qualche trucco psicologico, a volte serve solo a rendere una situazione più chiara o a cercare di portare una particolare attenzione su di s’è.

Trucco quindi non è sinonimo di fregatura ma di possibilità in questo caso

Ci sono dei trucchi psicologici davvero semplici che puoi mettere in pratica in una moltitudine di situazioni, che si tratti di un ambito lavorativo o sotto le lenzuola con la tua anima gemella. Si perché in fondo…

Anche se siamo composti di sangue e anima, a muoverci nella società sono delle regole, comprese quelle che non conosciamo. Il trucco per comunicare bene e trarre il massimo da ogni situazione è armarsi di consapevolezza, poiché si vive bene solo quando si conoscono i propri limiti e le proprie potenzialità.

Ecco 24 trucchi psicologici facili e utili nel lavoro, in amore e altro.

Fare riferimenti al proprio Padre

Se durante un dialogo volete aumentare la vostra credibilità e l’attenzione verso di voi, fate spesso riferimenti a vostro padre del tipo “mio padre mi ha insegnato”. La gente tende a fidarsi di più dei consigli paterni.

Associate al gesto che volete cancellare un pensiero sgradevole

Le abitudini e i vizi sono davvero difficili da debellare. Un trucco può essere associare un gesto a un brutto pensiero. Ad esempio, se prima di mangiarvi le unghie pensate a cosa state mettendo in bocca, sarete sicuramente meno propensi a farlo. Pensate ad esempio a qualcuno che ha appena defecato e subito dopo vi ha stretto la mano senza lavarsela.

Assicurati di avere le mani calde

Per fare una bella figura e trasmettere un senso di relax e affidabilità, controllate sempre di avere la mano calda prima di presentarla al prossimo. Stringere una mano calda infatti porta il cervello a rilassarsi e ad essere più propenso alla disponibilità e all’ascolto

Carta, sasso o forbice?

Un piccolo trucco psicologico per stupire e attrarre l’attenzione su di se una volta svelato. Proponete di fare il gioco “Carta, sasso o forbice” e subito prima di iniziare fate una domanda a caso. Prima di farvi dare la risposta, ritirate pure la domanda e giocate subito. Il vostro avversario avrà una buonissima possibilità di provare a vincere con la “Forbice”

Non siate quelli in mezzo

Se state facendo un colloquio di lavoro, cercate di essere o il primo o l’ultimo, questo perchè il cervello memorizza molto meglio gli eventi che avvengono all’inizio o alla fine di qualcosa. Avrete quindi una possibilità in più per essere ricordati e menzionati.

Farsi aiutare senza chiederlo

Se volete farvi aiutare ma non è da voi chiedere favori, il metodo è semplice, basta parlare con un vostro collega proprio mentre state facendo qualcosa di impegnativo. Solitamente la persona che avete i fronte tenderà ad aiutarvi per non restare fermo e sentirsi a soggezione.

Non scontrarti con nessuno per strada

Se state camminando e volete evitare di andare addosso a qualcuno o ancora meglio, che qualcuno venga addosso a voi, il trucco è guardare dritto di fronte a voi ed incrociare lo sguardo di chi hai di fronte. Gli occhi sono un ottimo mezzo per indicare la direzione verso la quale si procede ed evitare di scontrarsi.

Imparate le cose suddividendole a blocchi

È dimostrato come il cervello umano si trovi molto di più a suo agio quando impara qualcosa utilizzando il metodo dei blocchi. Se dovete studiare ad esempio, potete dividere l’argomento in più parti, studiandone una dopo l’altra anche non consecutivamente, questo vi aiuterà a potenziare l’intelletto e a memorizzare meglio il tutto

Un bel sorriso falso

Quando vediamo un sorriso il cervello allenta la tensione, senza dubbio. Se volete mettere a proprio agio chi avete di fronte, sorridetegli anche se non vi viene di farlo, lo aiuterete ad esser rapito dalla vostra presenza

Guarda il naso, non gli occhi

Guardare negli occhi chi vi parla è il miglior modo per allacciare con un dialogo serio e composto. Ma cosa succede se avete l’ansia nel farlo? Semplice, basta guardare in mezzo agli occhi la persona con cui si parla, fingendo che siano gli occhi stessi. Lui non se ne accorgerà e si sentirà ascoltato come avrebbe sperato.

Convincere i bambini a mangiare come tutti

Se state per andare a tavola e volete abituare il vostro bambino a mangiare tutto, non chiedetegli cosa preferisce mangiare, ma quante porzioni vuole di ciò che si mangia. Il fatto di parlare di porzioni fa capire al bambino di star mangiando la stessa cosa dei grandi e di esser anche lui grande in quanto divide una “porzione” dello stesso piatto.

Puntare con i piedi

Quando una persona è vicino a voi, per assicurarvi che la vostra presenza sia gradita, considerate il fatto se ha i piedi rivolti verso di voi o meno quando vi parla. I piedi solitamente si direzionano in subconscio sulla direzione dove il corpo vorrebbe realmente andare

Ascoltate canzoni senza parti cantate

State studiando e la musica è la vostra compagna? Sapete perché si dice che la musica classica sia la migliore per studiare? Perché non contiene voci umane. Se il cervello ascolta una voce le darà più spazio rispetto agli strumenti, distraendo matematicamente chi ascolta

Ricordarsi canzoni impossibili

Se non riuscite a ricordare come fa una canzone, non pensate al ritornello, alla musica o alle parole bensì al finale della canzone. Il cervello assimila sempre di più l’inizio e la fine di una canzone, richiamando quindi il finale avrete molta più possibilità di riconoscere una canzone

Smettere di preoccuparsi prima di un evento

State per affrontare un evento importante e siete agitati? C’è un metodo per ingannare il cervello e calmarlo: mangiare qualcosa. È noto infatti come il cervello umano usi la masticazione come una sorta di “buon auspicio”.

Ripeti il nome per attrarre

Se vuoi far colpo durante una conversazione e mantenere alto il livello di attenzione, ripeti spesso il suo nome mentre parli. Quando si ascolta il proprio nome si tende a fare più attenzione. Attenti però a non esagerare però, pronunciando troppe volte il nome della persona con cui state parlando, potrebbe risultare inquietante.

Apparire più amichevole e interessato

Volete apparire più amichevoli e interessati? C’è un metodo davvero molto semplice per comunicare l’interesse alla persona che abbiamo di fronte. Guardatela negli occhi e memorizzatene il colore. Fatelo lentamente e senza fretta. La sensazione che trasmettete sarà esattamente quella che state cercando.

Ottenere le informazioni che si desiderano

Se vuoi sapere tutto da una persona stai attento a fissarla negli occhi quando sta per smettere di parlare. Attendi che faccia silenzio e continua a fissare. Questo atteggiamento mette una pressione enorme nella persona di fronte a noi, portandola a esporsi molto di più. Attenti a non esagerare però, potreste sembrare pericolosi o minacciosi.

A chi piaci?

Per scoprire la persona che si sente più affine a te, nota se quando ride ti guarda. Basta essere in un gruppo di persone, magari al lavoro. Quando ridiamo tendiamo a guardare le persone a cui ci sentiamo più vicini.

Non rimandare a domani quello che puoi fare…

Se siete i classici procrastinatori vi capiterà spesso di rimandare le cose più impegnative da fare. Affrontarle al meglio è facile, basta pensare al proprio compito da fare prima di addormentarsi, cercando soluzioni o analizzando meglio la situazione. Il vostro cervello comincerà a considerare un problema e si riposerà nel farlo, così, quando dovrete affrontarlo davvero, sarete allenati a farlo e metà del lavoro sarà già svolto.

Annullare il vostro nemico al lavoro

Se siete in una riunione di lavoro e avete timore della reazione di qualcuno, sedetevi semplicemente vicino. La vicinanza infatti tende ad allontanare eventuali reazioni spropositate e negative, lasciandovi lo spazio per agire riflettendo bene e senza attacchi spropositati.

Hai detto Pino?

Piccolo e divertente esperimento. Quando parlate con qualcuno provate ad annuire o fare qualche gesto di approvazione nel momento esatto in cui pronuncia una parola chiave del discorso. Noterete come da li in poi ripeterà sempre di più quella parola.

Scopri chi ti guarda di nascosto

Capita spesso di avere la sensazione di essere osservati. Se siete in un gruppo di persona e volete capire chi vi sta osservando, una prova da fare e simulare uno sbadiglio. Essendo contagioso, la prima persona che sbadiglierà sarà quella che state cercando.

Insegnare agli altri per imparare da soli

Un ottimo metodo per imparare qualcosa è ripeterla mentre la si sta studiando. Non basta però ripeterla a vuoto, dovrete spiegarla a qualcuno. È dimostrato come il cervello, quando si ritrova a doversi esprimere, memorizzi meglio le informazioni.