Ci sono persone che con le loro azioni hanno ispirato le generazioni a venire, diventando un esempio incancellabile nella memoria dell’uomo. Una di queste persone è Julia Hill.

Classe 1974, è stata la prima persona a vivere su un albero millenario per ben 783 giorni consecutivi, senza mai scendere, con il solo scopo di salvarlo dalla seghe pronte ad abbatterlo.

Una scelta estrema che ha comportato all’allora giovanissima Julia un sacrificio enorme. Ha dovuto affrontare i dolori causati dal movimento limitato, una decrescita muscolare, il clima che si può vivere su un albero esposto a tutti i tipi di intemperie climatiche e come se non bastasse ad aggiungersi a tutte le difficoltà c’erano i boscaioli incaricati dall’azienda che stava operando il disboscamento, che minacciavano e importunavano in continuazione Julia.

La sua risposta è stato un gesto che ha lasciato a bozza aperta anche gli stessi “tree-sitter”, il movimento di persone a cui Julia si era unita. Il loro scopo è impedire il taglio degli alberi sedendocisi sopra. Solitamente però, per rendere la protesta accessibile a tutti, si fanno turni da due giorni massimo. Gli impedimenti e le difficoltà messe in atto da chi voleva tagliare quegli alberi a volte costringevano i protestatori a periodi più lunghi sugli alberi, periodi che arrivavano addirittura ad una settimana.

Un giorno Julia Hill decide che non sarebbe scesa dall’albero finché non fosse stata trovata una soluzione definitiva.

La soluzione definitiva è arrivata 783 giorni dopo. La società Pacific Lumber Company ha accettato di evitare il taglio di Luna (il nome della sequoia dato dalla stessa Julia) e di preservare tutto il territorio annesso.

Julia ha vissuto per due anni leggendo libri, alimentandosi con il cibo che le veniva dato attraverso delle funi e un telefono ricaricabile ad energia solare per tenersi in contatto con il resto del mondo in ogni momento.

Julia dopo questa esperienza si è presentata al mondo con un libro che è il racconto in diretta della stessa.

Nonostante questa vittoria, un anno dopo Luna è stata sfregiata con una motosega. Non è stata tagliata completamente, così i volontari sono riusciti a compiere il miracolo di salvarla costruendo un accessorio in ferro in grado di “tenere l’albero attaccato”. Oggi dopo quasi 20 anni, Luna è ancora viva e vegeta e continua a crescere, come l’amore per gli alberi nel mondo.

La storia di Julia è diventata così celebre che anche i Simpson le hanno dedicato un episodio, precisamente la puntata “Lisa the Tree Hugger”. Episodio 4, stagione 12.

Grazie Julia per averci dimostrato cosa significhi amare la natura, davvero.